Alla ricerca del Gigante sul Monte Baranci

Regno del Gigante Baranci

Il Monte Baranci è, da tempo, completamente dedicato alle famiglie. In estate è una specie di paradiso: il Villaggio degli Gnomi (inaugurato nel 2018) è diventato un’attrazione irrinunciabile per i bambini, il funbob che conduce a San Candido con quasi 2 chilometri di pista è tra i più gettonati dell’intero Alto Adige. E poi i laghetti a forma di piedoni, il parco avventura, il tubing… Ma c’è anche un delizioso percorso nel bosco che non possiamo perderci: il Regno del Gigante, dove scopriremo tutte le tracce che Haunold, il Gigante del Baranci, ha lasciato nel suo passaggio. Volete venire con noi?

  • Località di partenza: Monte Baranci
  • Parcheggio: alla partenza della seggiovia Baranci a San Candido (enorme. gratuito)
  • Mezzi utilizzati: passeggino da trekking
  • Tempo medio: un’ora circa (percorso ad anello)
  • Difficoltà: facile
  • Dislivello: 100 metri
  • Tipologia di percorso: classica forestale dapprima in discesa e, arrivata al punto più basso, salita per tornare al punto di partenza

Come arrivare sul Monte Baranci e dove parcheggiare

Per arrivare sul Monte Baranci, la via è semplicissima. Si giunge direttamente a piedi dal centro di San Candido oppure anche in macchina: vi è un enorme parcheggio gratuito proprio accanto agli impianti di risalita.

Dovremo acquistare il nostro ticket e quindi salire sulla seggiovia che, in meno di dieci minuti, ci condurrà al Rifugio Gigante Baranci a quasi 1500 metri d’altitudine.

Indicazioni per navigatore Google Maps: parcheggio impianti di risalita San Candido

Regno del Gigante Baranci
Il Regno del Gigante Baranci è splendido per i bimbi

Il Regno dei Gigante Baranci è un itinerario circolare fattibile anche in passeggino

Una volta scesi dalla seggiovia, saremo pronti per iniziare la nostra camminata. Impossibile sbagliarsi: l’accesso al Regno del Gigante Baranci è proprio di fronte a noi. Un grande arco ligneo infatti ci dà il benvenuto: dovremo solo oltrepassarlo per venir catapultati in un magico mondo.

Regno del Gigante Baranci
Pronti per iniziare il nostro viaggio?

Inizialmente la via è quasi pianeggiante e s’addentra tra gli alberi. E, poco dopo la partenza: ma cosa sarà mai quella installazione che vediamo da lontano? Sembrano proprio degli utensili da cucina… Ma sono enormi! Eh sì, sono proprio le posate del gigante. Ma allora è vero che è qui da qualche parte!

E poco più avanti ne abbiamo la riprova: un grandissimo paio di occhiali giace “abbandonato“. Sono forse di Haunold, il Gigante del Baranci, che li ha lasciati lì e poi s’è scordato di andarli a riprendere?

Regno del Gigante Baranci
Le super posate del Gigante… Sono proprio enormi!
Regno del Gigante Baranci
Gli occhiali del Gigante… Che ha dimenticato!
Regno del Gigante Baranci
Il percorso è bellissimo per i bambini

La leggenda del Gigante Baranci? Eccola

A proposito… La conoscete la leggenda di Haunold?

Un tempo viveva, assieme ad altri suoi simili, il gigante Haunold, nato bambino ma, dopo aver bevuto da una fonte miracolosa (forse quella termale?), cresciuto a dismisura. Gli abitanti di San Candido volevano costruire una chiesa presso il loro paese (la futura Collegiata) e così gli domandarono aiuto nel portare a valle le pesanti pietre dall’alto delle montagne.

Haunold acconsentì ma, in cambio, pretese che ogni giorno gli venisse offerto un vitello, oltre a fagioli e cibo in abbondanza. Inizialmente accondiscendenti e felici, i sancandidini cambiarono presto idea quando il gigante impose di saziarsi anche a lavori finiti, vessandoli con i suoi capricci. Gli tesero dunque una trappola: scavarono un’enorme buca dove cadde e morì. Ma, per ricordare comunque il suo lavoro, gli venne tolta una costola che ancora oggi si può vedere nel vestibolo della chiesa.

Regno del Gigante Baranci
Il Regno del Gigante Baranci si può fare sia in senso orario che antiorario

La passeggiata nel Regno del Gigante dura un’oretta

Continuiamo quindi lungo il facile sentiero che, sempre con vista magnifica sull’appuntito Baranci, ora inizia a perdere un po’ di quota. Sino ad arrivare alla tinozza da bagno di Haunold, con tanto di spazzolone: sarà vero che si lava lì dentro? Non lo sappiamo, però intanto, perché non provare a vedere se ci stiamo anche noi?

Regno del Gigante Baranci
La tinozza del Gigante è tra le installazioni più belle

Si scende ancora sino a trovare il braciere, che serve ad Haunold per bivaccare. Certo che con questa vista, chi non vorrebbe fargli compagnia? Anche dei tubi in metallo consentono di ammirare lo splendido paesaggio a mo’ di binocolo. Ed effettivamente, si potrebbero trascorrere ore qui in contemplazione.

Nel naso del Gigante poi ci si può riposare… E tentare di sentire gli odori. Quali sono quelli preferiti da Haunold? È possibile provarli per capire quali siano quelli che ci piacciono di più e forse anche tentare d’indovinare i suoi.

Regno del Gigante Baranci
Poi si scende un pochettino verso il braciere
Regno del Gigante Baranci
Letteralmente… Nel naso del Gigante

Lungo il percorso, si possono trovare tantissime installazioni. Il naso, le posate, gli occhiali…

Giungeremo infine al punto più basso della nostra passeggiata. Da qui potremmo magari raggiungere i Bagni di San Candido (e potrebbe essere un’opzione molto allettante, ma non oggi) ma invece dobbiamo proseguire per rientrare al Rifugio Gigante Baranci.

Regno del Gigante Baranci
Riusciremo a vedere Haunold?

Iniziamo dunque la risalita: dopo aver tentato di scorgere Haunold tra gli alberi (grazie ad una postazione d’osservazione), piano piano iniziamo a camminare guadagnando quota.

Troveremo, in questa parte di tracciato, delle deliziose panchine ove accomodarsi. Sono i troni del Gigante: difatti lui qui si accomodava (e lo fa tuttora) per riposarsi e godersi l’alba e il tramonto, nonché le notti stellate.

Regno del Gigante Baranci
Stupende panchine sono proprio lì apposta per farci riposare
Regno del Gigante Baranci
Ma troviamo ancora qualche traccia del passaggio del Gigante…

Il percorso può essere effettuato sia in senso orario che antiorario. Col passeggino, meglio orario

La salita (ripida in alcuni tratti) ci condurrà infine al punto di partenza, dove gli attrezzi da lavoro di Haunold ci indicano che il suo Regno è sempre in divenire e potremmo trovare, magari, cose sempre nuove. Chissà…

Regno del Gigante Baranci
E infine troviamo gli attrezzi al termine della passeggiata

E, terminata la passeggiata, saremo pronti per goderci le altre mille bellezze del Monte Baranci, tra cui:

  • Villaggio degli Gnomi: la ricostruzione di un vero paesino abitato dai simpatici folletti. Sono stati gli aiutanti di Hanold nella costruzione della collegiata
  • Piedoni d’acqua: eccoli qui i piedi di Haunold! Sono veramente grandi ed è possibile entrarvi. E seguire i percorsi kneipp tutto intorno!
  • Funbob: per rientrare a valle, perché non sfrecciare col bob su rotaia? Assolutamente imperdibile! Se volete evitare la coda (di solito sempre lunghissima) potete effettuare la prenotazione del posto online direttamente sul sito www.trecime.com. Passerete da un tornello dedicato, evitando quindi la folla
Villaggio degli Gnomi
Lo stupendo Villaggio degli Gnomi
Monte Baranci
I piedoni del Gigante con vista sul Baranci

Informazioni utili per l’escursione nel Regno del Gigante Baranci

  • La seggiovia del Baranci è aperta da metà giugno a metà ottobre, dalle 9 alle 17.30 (18.30 nei mesi di luglio e agosto)
  • Il costo dell’impianto è 11 euro salita, 6 euro discesa (bambini sotto 8 anni gratis)
  • Il Rifugio Gigante Baranci è aperto da metà giugno a metà ottobre (stesso periodo della seggiovia)
  • Il percorso del Regno del Gigante è fattibile in entrambi i sensi. Col passeggino, meglio procedere in senso orario, effettuando quindi prima la discesa ripida e poi la lenta risalita (come anche indicato dai cartelli)
  • Google Maps: parcheggio impianti di risalita San Candido
Regno del Gigante Baranci
Mappa del Regno del Gigante Baranci – Geoflyer Europe 3D Maps

Dove dormire a San Candido

Ogni volta che veniamo a San Candido, noi soggiorniamo sempre allo Sporthotel Tyrol Dolomites, meravigliosa struttura in pieno centro ma in posizione tranquilla, immersa nel verde.

Dotata di luminosissime camere e di una SPA deliziosa, è l’indirizzo giusto per chi desidera trascorrere le proprie vacanze coi bambini a San Candido: il bel giardino esterno offre infatti molti giochi ma c’è anche il miniclub con stanza ludica all’interno.

Si mangia poi strabenissmo: la cucina è infatti il fiore all’occhiello di questo storico albergo, che ha da poco festeggiato i 50 anni di attività! Ed è a 10 minuti a piedi dagli impianti del Monte Baranci.

Per saperne di più: Sporthotel Tyrol Dolomites, coi bambini a San Candido

Sporthotel Tyrol
Lo Sporthotel Tyrol, oasi di pace nel pieno centro di San Candido

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

17 + diciotto =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.