Baita dei Cacciatori, il rifugio più bello e autentico sopra Falcade

Baita dei Cacciatori

Falcade è una delle località più note dell’Agordino, il cuore verde delle Dolomiti Bellunesi. Al confine con la Val di Fassa e il Trentino Alto Adige, è una meta molto gettonata in inverno (lunghe complessivamente ben 100 km sono le piste del suo carosello), ma pure in estate è molto frequentata, pur comunque non essendo mai congestionata. Chiusa tra le Pale di San Martino e le Cime d’Auta, regala escursioni speciali, dove spesso non incontrerete molte persone: venite con noi oggi alla Baita dei Cacciatori!

  • Località di partenza: Colmean
  • Parcheggio: alla località di partenza (piccolo, gratuito)
  • Indicazioni parcheggio Google Maps: Colmean
  • Mezzi utilizzati: zaino portabimbo (passeggino da trekking non possibile)
  • Tempo medio: un’ora e mezza andata – un’ora e dieci ritorno
  • Difficoltà: medio
  • Dislivello: 470 metri – Colmean m. 1280 – Baita dei Cacciatori m. 1741
  • Tipologia di percorso: sentiero classico in costante salita, nel primo tratto moderata e poi anche ripida

Dove parcheggiare per l’escursione alla Baita dei Cacciatori

Da Falcade si procede in direzione di Caviola (verso Agordo quindi) e poi si entra nel bucolico paesino, seguendo le facili indicazioni per Colmean. Si attraversa quindi tutta la località, si oltrepassa Tegosa e, al bivio per Feder, si svolta a sinistra.

Seguiamo quindi tutta la carrozzabile sino a che termina in un piccolo parcheggio: siamo quindi pronti per iniziare la nostra escursione.

Indicazioni per navigatore Google Maps: Colmean

Colmean
Lungo la via per Baita dei Cacciatori, si ammirano scorci stupendi

Baita dei Cacciatori: si parte da Colmean, paesino sopra Caviola

Una volta arrivati nel ridente paesino di Colmean e posteggiata la nostra autovettura, saremo pronti per iniziare. Subito ci troveremo ad un bivio: noi dobbiamo seguire il sentiero 689 che s’addentra nel bosco (una forestale) ignorando la deviazione per Sappade, Caviola e Tegosa.

Colmean
Inizia la nostra escursione verso Baita dei Cacciatori
Colmean
Ignoriamo la deviazione e proseguiamo sul sentiero 689
Baita dei Cacciatori
Si cammina nel meraviglioso bosco

In questo primo tratto la via procede sì in salita, ma in maniera dolce, permettendoci di goderci il bellissimo e profumato bosco. Questo è anche il paradiso dei fungaioli: vi sono moltissimi tipi di funghi infatti, alcuni non commestibili, ma sempre molto scenografici da vedere.

La silvo-pastorale procede sempre tranquilla tra gli alti alberi ma, ad un certo punto, muterà la sua pendenza, divenendo decisamente più erta. Sino quasi alla meta sarà così, imponendoci parecchia fatica, mitigata però dalla gradevole frescura.

Baita dei Cacciatori
Baita dei Cacciatori
Baita dei Cacciatori

Il sentiero per Baita dei Cacciatori è sempre in salita e ci vuole un’ora e mezza per arrivarci

Nonostante la gran parte dell’itinerario si svolga nella foresta, avremo anche modo per ammirare le meravigliose montagne circostanti: Focobon e Mulaz (le Pale di San Martino) emergono ogni tanto dalle vette di abeti e pini, mentre le Cime d’Auta (che ci separano dalla Marmolada) fanno capolino dinanzi a noi.

Baita dei Cacciatori
Anche se la strada è nel bosco, qua e là compariranno degli scorci
Baita dei Cacciatori
Ed ecco anche le Cime d’Auta

Ad un certo punto, la forestale (che pur ormai è principalmente composta da sassetti, per cui più assimilabile ad un classico sentiero di montagna), termina proprio nei pressi della teleferica ad uso della Baita dei Cacciatori.

Ora calchiamo una normale mulattiera che, in pochissimo, ci accompagnerà al guado del torrente Cajada, punto più complicato di tutto il percorso. Sì perché purtroppo, essendo soggetto a piene durante i temporali, spesso modifica il suo alveo, rendendo un po’ difficoltoso il passaggio.

Baita dei Cacciatori
La forestale si tramuta in classico sentiero
Baita dei Cacciatori
Pronti ad attraversare il torrente Cajada

Non si arriva in passeggino a Baita dei Cacciatori e si superano quasi 500 metri di dislivello

Con un po’ di attenzione però si riesce ad attraversarlo e portarsi quindi sulla sua destra orografica. Non siamo molto distanti dalla Baita dei Cacciatori: ora dobbiamo affrontare un’altra salita e poi saremo finalmente arrivati. Prima di proseguire però, prendetevi 5 minuti per ammirare il paesaggio su Focobon e Mulaz, qui strepitoso.

Baita dei Cacciatori
Il paesaggio su Mulaz e Focobon è veramente stupendo
Baita dei Cacciatori
L’ultima salita prima della meta

Superata anche quest’ultima erta (con un brevissimo tratto di sentiero crollato: il transito però avviene sempre in sicurezza), il tracciato spianerà un pochino per condurci, ormai senza troppo affanno, in dirittura d’arrivo: eccoci, ormai vediamo il pianoro ove sorge la nostra destinazione.

E Baita dei Cacciatori (m. 1745) sorge in una bella radura con vista deliziosa sulla Valle del Biois. Pur venendo in vacanza qui da 40 anni (i miei anni infatti sono nati qui) non ero mai stata: urgeva assolutamente porre rimedio a questa mancanza!

Baita dei Cacciatori
Tanti sono i sentieri che transitano da Baita dei Cacciatori
Baita dei Cacciatori
Finalmente verso la meta
Baita dei Cacciatori
Eccoci finalmente arrivati alla Baita dei Cacciatori

A Baita dei Cacciatori si mangia benissimo e si gode di un panorama stupendo sulla Valle del Biois

Si può dire che Baita dei Cacciatori sia uno dei rifugi più belli di tutta Falcade. E sicuramente è anche uno dei più accoglienti: il sig. Rino infatti, anima e cuore del ristoro, accoglie tutti i trekker con tantissima cordialità e stare qui diventa un vero piacere. Noi abbiamo avuto modo di provare i suoi ottimi piatti e… Che vi posso dire? Fatevi consigliare e non ve ne pentirete!

Baita dei Cacciatori è un ristoro super accogliente, quasi d’altri tempi
Baita dei Cacciatori
Una vista meravigliosa su Focobon e Mulaz, le Pale di San Martino
Baita dei Cacciatori
Gli stupendi particolari

Accomodatevi ad una delle panche con vista: vi faranno amare ancora di più questi stupendi paesaggi, certo meno noti del Trentino o dell’Alto Adige, ma più selvaggi e imponenti.

E, gustata anche una grappa preparata in casa da Rino, tornerete a valle in men che non si dica… Pronti per provare qualche altro bellissimo sentiero nei dintorni: anche se poco note, qui a Falcade ci sono delle vere chicche!

Orari di apertura di Baita dei Cacciatori e informazioni utili 

  • Baita dei Cacciatori è aperta sia in estate che in inverno
  • telefono: 335 – 168.61.26 (meglio chiamare per confermare l’apertura)
  • Google Maps parcheggio: Colmean
Baita dei Cacciatori
Itinerario per Baita dei Cacciatori – Geoflyer Europe 3D Maps

Dove dormire a Falcade

Se state cercando una sistemazione a Falcade per programmare qui una vacanza, noi non possiamo che consigliarvi l‘Hotel Stella Alpina. In posizione centrale (si trova proprio nella Piazza del Municipio) è una delle strutture storiche del paese ma ha saputo rinnovarsi sempre con grande lungimiranza.

La cucina è senza dubbio ottima, così come la pasticceria (che è una delle migliori di tutto l’Agordino). Offre anche un bel giardino esterno per rilassarsi, fare un aperitivo e mangiare un gelato oppure anche pranzare. Inoltre, è punto di partenza per tante belle passeggiate nella verdissima piana di Falcade, uno dei luoghi migliori per far correre e giocare i bambini e dove troviamo un parco giochi enorme e molto curato.

Per saperne di più: visualizza prezzi e servizi

Hotel Stella Alpina Falcade
All’Hotel Stella Alpina di Falcade si ammira un panorama superbo

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque + 12 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.