Rifugio Mulaz da Passo Valles, un trekking spettacolare

Rifugio Mulaz da Passo Valles, un trekking spettacolare

Quante volte ho sentito nominare il Rifugio Mulaz! Fin da piccola, è sempre stato uno spauracchio, un’idea di luogo inaccessibile, o quantomeno molto difficile e faticoso da raggiungere…ma una volta diventata adulta è rimasto una sfida, finalmente vinta: ecco la nostra esperienza escursionistica fin lassù, dove osano i più temerari e dove la montagna è vera ed autentica.

  • Località di partenza: Passo Valles
  • Località di arrivo: Pian dei Casoni – Val Venegia
  • Parcheggio: alla località di partenza (grande, gratuito; in altissima stagione, è necessario arrivare presto, dal momento che i posti si esauriscono in fretta)
  • Mezzi utilizzatiitinerario svolto senza bambini
  • Tempo medio: 7 ore (4 ore andata, 3 ore ritorno)
  • Difficoltà: molto difficile

Attenzione: presenza di tratti attrezzati (alcuni in cattivo stato)

Innanzitutto, è doveroso dire che quest’itinerario è stato compiuto senza bambini (per una volta custoditi dai nonni), ed è l’unico che racconteremo, dal momento che l’intento del blog è proporre facili escursioni da fare con la famiglia; tuttavia, visto l’entusiasmo con cui l’abbiamo affrontato, non potevamo esimerci dal narrarlo, con tutte le dritte e le raccomandazioni del caso.

Essendo un’escursione che prevede partenza ed arrivo in località differenti, è bene organizzarsi con più autovetture, una da lasciare preventivamente al Pian dei Casoni – Val Venegia (dove si rientrerà) e l’altra a Passo Valles, da recuperare poi a fine giornata; l’alternativa è l’autostop o la richiesta di un passaggio ad altri trekker (come abbiamo fatto noi!), ma non altrettanto di sicura riuscita.

Di buon mattino, dalla sommità del Passo Valles (m. 2031), valico che mette in comunicazione la Valle del Biois, in Veneto, con il Primiero e la Val di Fiemme (in Trentino), subito ci incamminiamo lungo il sentiero 751 che, in buona pendenza, ci rivela prontamente la tipologia di itinerario che stiamo andando ad affrontare.

Rifugio Mulaz da Passo Valles, un trekking spettacolare

Dopo il primissimo tratto ripido si inizia a camminare dolcemente tagliando la costa della montagna, sino ad arrivare al primo tornante: è segno che ormai stiamo per guadagnare la Forcella Venegia (m. 2212), bellissimo punto panoramico da cui possiamo iniziare ad ammirare lo splendido Gruppo delle Pale (visione che ci accompagnerà per un buon periodo), nonché i Lagorai più lontano e, dalla parte opposta, la catena di Cima Uomo (m. 3003) e, dietro ancora, la Regina Marmolada (m. 3342).

Dopo questo primo duro pezzo (della durata di circa mezz’oretta), inizia una parte più tranquilla, certamente lunga, costellata da continui saliscendi; le nostre gambe saranno messe a dura prova, e la fatica sarà mitigata soltanto dalla bellezza del paesaggio: la Val Venegia sottostante si offre al nostro sguardo in tutto il suo incanto (che ammireremo poi da vicino nel pomeriggio), mentre da lontano possiamo scorgere perfino Baita Segantini, proprio al cospetto del maestoso Cimon de la Pala (m. 3184).

Rifugio Mulaz da Passo Valles, un trekking spettacolare

Dopo tanti su e giù, eccoci finalmente arrivare al Passo di Venegiota (m. 2303), dove un cartello ottimista indica ancora 1 ora e 45 minuti per raggiungere il Rifugio Mulaz…diciamo che ciò che un tempo era stato scritto sotto da un turista (“di corsa forse”) che ho visto in alcune foto, in effetti rende l’idea! Purtroppo la strada da qui è ancora lunga, ma continuiamo sempre sereni lungo il nostro 751 che, poco oltre la forcella, ci fa dire addio (per il momento) al panorama sulle Pale per proporci la Valle del Biois: dopo esser transitati lungo un tratto abbastanza esposto (dove un cordino d’aiuto non sarebbe stato male) a strapiombo sulla parete, ecco che ci ritroveremo catapultati in mezzo ai prati del bacino del Focobon (m. 3054), di cui iniziamo già a scorgere l’inconfondibile triade.

Lasciatoci alle spalle il Passo dei Fochett di Focobon (m. 2291), purtroppo poco riconoscibile, deviamo tutto a destra (intuitivamente) per seguire il nostro segnavia che, per ancora un bel tratto, continuerà a perdere quota: dovremo tagliare gran parte della parete del Monte Mulaz (m. 2906) per portarci alla base della salita che, finalmente ci condurrà alla tanto agognata meta.

Che siamo ormai giunti all’ultima parte del nostro percorso lo stabiliremo non appena incontreremo la prima delle ferrate da affrontare: la corda metallica, in questo punto, consente di oltrepassare un tratto su roccia a strapiombo, ma ahimè non si trova in ottimo stato, giacché risulta staccata in alcuni punti…abbiamo provveduto a segnalare la cosa al CAI, pertanto speriamo vivamente che sia stata sistemata, per una maggior sicurezza di tutti i trekker.

Rifugio Mulaz da Passo Valles, un trekking spettacolare

Ancora una camminata in leggera discesa ci condurrà ai successivi tratti attrezzati, stavolta molto meno pericolosi: ci aiutano a superare alcuni salti di rocce senza fare una fatica enorme, consentendoci di scaricare il peso; poco distante da noi, anche un nevaio che è straordinariamente sopravvissuto al caldo eccezionale dell’estate 2015.

La via qui si fa davvero faticosa e induce a fermarsi più volte per riprender fiato; ogni dieci metri di strada saliamo vertiginosamente, dovendo recuperare in una parte relativamente breve il molto dislivello; il panorama offerto è decisamente splendido ed appagante, il che aiuta notevolmente nei momenti di sconforto…ma non ci si perde d’animo!

Dopo l’ennesimo ripidissimo pezzo ecco che, come in un sogno, la strada si spiana e, finalmente, in lontananza ecco comparire la splendida casetta tipica dalle imposte bianche e azzurre: oltrepassato il Sasso Arduini (m. 2582), ancora dieci minuti scarsi di cammino ci separano dal Rifugio Mulaz (m. 2571): è una conquista!

Rifugio Mulaz da Passo Valles, un trekking spettacolare

Non meno di 3 ore e 30 minuti sono trascorsi dalla nostra partenza a Passo Valles , ma la soddisfazione è davvero incredibile, come lo è il panorama lunare: il Rifugio Mulaz si trova infatti al limitare della Valle del Focobon, di cui ammira da vicinissimo l’imponente mole e il ghiacciaio perenne; in fondo, ecco far capolino Cime Pape (m. 2502) e, oltre, il Civetta (m. 3220): la nostra vista sembra proprio proiettata come attraverso un binocolo, dal quale si scorgono le imponenti cime dolomitiche.

Dopo un lauto pranzo (dopo tanta fatica, bisognerà assolutamente gustarsi un piatto tipico: il Rifugio Mulaz vanta davvero un’ottima cucina) e l’immancabile timbro sul Passaporto delle Dolomiti (che, oserei dire, qui ha quasi un valore doppio!), siamo pronti per affrontare la seconda parte della nostra giornata, che ci condurrà verso casa.

Rifugio Mulaz da Passo Valles, un trekking spettacolare

Da qui invero, si potrebbe anche scendere a Falcade lungo la via 722 senza particolari difficoltà e nemmeno  pezzi esposti; il cartello che indica però 2 ore e 15 minuti è davvero troppo ottimista, dal momento che di ore ce ne si impiega almeno una in più, se non oltre…la bassa Valle del Focobon però, dopo l’omonima Casera (m. 1854), non offre molto dal punto di vista paesaggistico, addentrandosi poi in un conoide molto poco panoramico e successivamente nel bosco. Molto meglio quindi servirsi del Sentiero Quinto Scalet e guadagnare il Campigol della Vezzana (m. 1918) e, successivamente, la Val Venegia e Pian dei Casoni.

Una breve salita ci porterà, in dieci minuti scarsi, al Passo del Mulaz (m. 2619), dove si abbandona la vista sulle Dolomiti bellunesi per riportarsi su quelle trentine: da qui le possibilità di esplorazioni del Gruppo delle Pale sono davvero molteplici, come ad esempio la conquista del Rifugio Rosetta (m. 2581) col sentiero 703, oppure, dopo aver oltrepassato il Passo delle Farangole (m. 2814), al Passo delle Fede (m. 2688) col 755 alla volta della Val di Gares…giri senz’altro eccezionali e splendidi, ma destinati a trekker esperti ed attrezzati.

Rifugio Mulaz da Passo Valles, un trekking spettacolare

Noi proseguiamo lungo il nostro 710 che, una volta svalicato, inizia a scendere deciso: il sentiero Quinto Scalet, inaugurato nel 2007 e intitolato alla memoria della guida alpina di San Martino di Castrozza, ha sostituito il vecchio tracciato divenuto instabile a causa di una bufera; con i suoi 1930 metri di lunghezza, per un dislivello di oltre 500 e ben 103 tornanti, è la via d’accesso più rapida al Passo del Mulaz, e forse la più “tranquilla”; dopo un iniziale tratto su ghiaia, procediamo pian piano (visto il fondo un po’ sdrucciolevole), in alcuni punti aiutati da cordini metallici (ma nulla di paragonabile a ciò che abbiamo affrontato durante la salita), fino ad arrivare al limitare del bosco, segno che, dopo aver attraversato diversi “ambienti”, ormai la fatica è terminata e siamo arrivati finalmente in Val Venegia.

Ma certo non è ancora finita! Perché ora dobbiamo ritornare a Pian dei Casoni (m. 1693), dove abbiamo lasciato la macchina la sera prima: la discesa verso Malga Venegiota (m. 1824) prima e Malga Venegia (m. 1776) poi, avviene in un tripudio di colori meravigliosi, come sempre sa offrire la Val Venegia, punta di diamante del Primiero; qui, decisamente affaticati dopo quasi 7 ore di cammino, vedremo le famiglie coi bambini divertirsi e giocare (come sappiamo, è infatti un luogo decisamente adatto ai più piccini): la prossima volta sicuramente ci muoveremo ancora coi nostri pargoli, ma per oggi posiamo ritenerci orgogliosi dello stupendo giro completato.

Rifugio Mulaz da Passo Valles, un trekking spettacolare

L’ascesa al Rifugio Mulaz è molto dura e faticosa, certamente inadatta ai bambini, pur nello zaino, anche per via dei numerosi tratti attrezzati: certamente è però una grande soddisfazione poterla annoverare nel nostro palmares, e raccontarla come un’impresa (per noi) quasi eroica!

Desidero ricordare che, qualunque sia l’escursione che si desidera compiere (questa in particolare, ma anche tutte le altre), è assolutamente necessario che sia affrontata con la giusta attrezzatura e il corretto abbigliamento (soprattutto le calzature, che devono essere sempre di tipo tecnico), dopo aver ovviamente valutato che sia anche adatta alle proprie capacità ed allenamento. Purtroppo però, anche prendendo tutti i più opportuni accorgimenti può sempre accadere un imprevisto, ed è quindi importante munirsi anche di una polizza: con Viaggi Sicuri per esempio, ci si può assicurare per le attività sportive ed in particolare per il trekking (basta restare sotto ai 4.000 metri, ma per le Dolomiti questo problema non sussiste!).

Altre idee interessanti

6 pensieri su “Rifugio Mulaz da Passo Valles, un trekking spettacolare

    • Azzurra
      Azzurra dice:

      La giornata deve essere assolutamente (per quanto possibile!) perfetta per andare al Rifugio Mulaz…Sono decenni che vado in vacanza a Falcade e al primo accenno di maltempo, sul Mulaz c’è sempre un nero! Passo volentierissimo a trovarti, grazie della segnalazione!

  1. Simona dice:

    MERAVIGLIAAAAAAA!
    Allora io che sappia ero partita dal parcheggio di Passo Rolle ma ti dico già… non sono arrivata al rifugio Mulaz causa malattia del moroso… ovviamente mi è rimasta e prossima volta torno per andare fino a sù!
    Bellissimo! E ti chiederò ovviamente 😛

    • Azzurra
      Azzurra dice:

      Ma no Simo!! Dal Rolle vai alla Segantini e poi scendi un pochino sino ad incontrare il sentiero che sale… Io ricordo che ce n’erano due, uno che partiva alla fine dei tornanti che scendono verso la Val Venegia e un altro, il Quinto Scalet (che abbiamo fatto noi) che sale alla fine del Campigol della Vezzana verso Pian dei Casoni. Dal Valles parti già in quota ma è molto lunga… Ci vogliono due ore solo per arrivare alla base della salita, salita che poi ovviamente ti spezza le gambe. Ma era il mio sogno di bambina e realizzarlo è stato splendido!

  2. Ottavio dice:

    Fatto il 29 agosto. Stupendo e faticoso. Vorrei segnalare la possibilità di tornare al Passo Valles risalendo fino alla forcella Venegia dalla Val Venegia, circa 1 ora e trenta minuti fino al Passo Valles,ad iniziare dai piedi del sentiero Quinto Scalet (in salita mai troppo ripida).

    • Azzurra
      Azzurra dice:

      Ciao Ottavio! Sì, sicuramente, ottima segnalazione, grazie! Noi eravamo già provati dal giro che abbiamo optato per cercare di farci dare un passaggio sino alle macchine a Passo Valles 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.