Col passeggino a Malga Bocche, nel Parco Paneveggio assieme ai bambini

Col passeggino a Malga Bocche, nel Parco Paneveggio

L’Alpe Lusia, sul versante della Val di Fiemme, offre molto per le famiglie coi bimbi piccini; oggi infatti raggiungeremo Malga Bocche lungo un facile e pianeggiante sentiero, immerso nel radioso bosco del Parco di Paneveggio, con vista magnifica sulle Pale di San Martino.

  • Località di partenza: La Morea
  • Parcheggio: alla partenza degli impianti di Castelir – Bellamonte (grande, gratuito)
  • Mezzi utilizzati: passeggino da trekking
  • Tempo medio: un’ora e mezza
  • Difficoltà: facile

Dopo aver lasciato la propria autovettura alla base della skiarea Castelir – Bellamonte, in Val di Fiemme, subito si prende la prima seggiovia (che, naturalmente,  consente di caricare anche i passeggini), con un panoramico percorso, conduce sino ai 1740 m. di Le Fassane, dove immediatamente si sale ancora, sempre con l’ausilio degli impianti, sino a La Morea (m. 1970): da qui inizia infatti il nostro bel percorso, che in un’ora e mezza ci condurrà sino ad una delle più belle terrazze panoramiche delle Dolomiti.

Col passeggino a Malga Bocche, nel Parco Paneveggio assieme ai bambini

Il sentiero, dopo un primissimo tratto di raccordo un po’ più impegnativo, prosegue sempre in lieve discesa, passando un po’ tra gli alberi e un po’ regalando scorci davvero magnifici sulla catena dei Lagorai; una volta arrivati a Malga Canvere (m. 1977), un piccolo agglomerato di fienili, il panorama sarà davvero fiabesco: il Cimon de la Pala inizierà a fare capolino e si incontreranno una belle serie di masi, ora ristrutturati, nei quali trascorrere una vacanza sarebbe davvero una meraviglia!

Dopo ancora un po’ di dentro-fuori dal profumato bosco, e un colpo d’occhio ancor più magico sulle Pale, il tracciato arriva, sempre in dolcissima (quasi impercettibile) discesa, ad un ponticello, dove inizia il l’ultimo pezzo, il più faticoso: ecco infatti una salita (che non durerà più di 150m) abbastanza decisa in confronto al sentiero sinora percorso; non temete però: segnala che ormai la meta è raggiunta.

Col passeggino a Malga Bocche, nel Parco Paneveggio assieme ai bambini

Infatti, al diradarsi degli alberi, ecco un tetto prima, ed una casetta poi, fare capolino: Malga Bocche (m. 1946) è ormai conquistata, e che panorama! Infatti, qui ci troviamo proprio di fronte al gruppo delle Pale e, nella verde radura al di sotto di esse, possiamo anche notare Malga Juribello; da qui la vista è anche privilegiata su tutta la catena dei Lagorai e, con un po’ d’attenzione, si spazia sino alle montagne della val di Cembra.

L’area intorno alla malga è davvero un luogo ideale per bambini: possono correre e giocare nei bellissimi prati circostanti, e anche fare la conoscenza di mucche e asinelli; all’interno della zona recintato invece, abbiamo numerosi tavolini, che consentono di consumare il proprio pasto in un contesto paesaggistico davvero incredibile; il menù è molto vario, per cui non si faticherà a trovare qualcosa di proprio gradimento, nè tantomeno per i più piccini.

Col passeggino a Malga Bocche, nel Parco Paneveggio assieme ai bambini

Da qui si potrebbero intraprendere escursioni ben più impegnative, come quelle lungo il segnavia 626 che passa dal lago di Bocche, per poi condurre alla sua cima, dove tanto si combattè durante la Grande Guerra (era infatti avamposto austriaco, e si contrapponeva alla prima linea italiana di stanza sullo Juribrutto); e proprio alla dismessa Malga Juribrutto, o a Malga Vallazza si potrebbe anche andare, compiendo un percorso in quota molto spettacolare, ma certamente fuori dalla nostra portata per lunghezza.

Il ritorno avviene sulla stessa strada dell’andata, ma questa volta, a parte logicamente il primo tratto in discesa, sarà tutta in salita: non impegnativa certo, ma costante e lieve; con la luce pomeridiana, si riuscirà ad ammirare le Pale in tutto il loro splendore e a scattare immagini indimenticabili.

Per rientrare al parcheggio si prenderà nuovamente la seggiovia; a “Le Fassane“, all’arrivo del primo troncone, si trova anche il percorso acquatico “Giro d’Ali”, dove i bambini possono sperimentare varie attività, come il percorso kneipp, la zattera, ponticelli, scale sommerse..insomma, un vero e proprio bengodi da provare!

Col passeggino a Malga Bocche, nel Parco Paneveggio assieme ai bambini

(Per chi non volesse compiere il tragitto sino a Malga Bocche a piedi è attivo, in località la Morea, un servizio di noleggio mountain bike munite anche carrellino per il trasporto enfant: un’ottima alternativa per chi desiderasse provare qualcosa di diverso su di un terreno molto semplice)

Altre idee interessanti

8 pensieri su “Col passeggino a Malga Bocche, nel Parco Paneveggio assieme ai bambini

  1. Marina dice:

    Ciao a tutti voi!!! Questo sito è davvero molto interessante…ricco di spunti. Volevo fare una domanda…abbiamo un bimbo di 9 mesi e quest’estate volevamo andare una settimane in montagna ma non abbiamo un passeggino da trekking ma un semplice passeggino leggero. Secondo voi va bene uguale oppure no? Nel caso sapete se si trovano da affittare in loco?

    • Azzurra
      Azzurra dice:

      Ciao Marina e grazie per i complimenti! Io suggerisco sempre un passeggino da trekking, perchè ha tre caratteristiche fondamentali che lo contraddistinguono da quelli da città: le ruote grandi, ammortizzatori e, soprattutto, il freno sul maniglione, che è assolutamente essenziale in talune escursioni. Le ruote grandi aiutano a superare magari alcuni tratti ghiaiosi con sassolini più grandi o magari delle radici, gli ammortizzatori riescono a far sì che il nostro pupetto non sia troppo sballottato, e il freno sul maniglione, soprattutto in discesa, è davvero imprescindibile, sia in fatto di risparmio fatica, che di sicurezza.
      Si possono tranquillamente noleggiare nei negozi di sport (ahimè non tutti, ma nelle maggiori località ormai i migliori esercizi si sono attrezzati) ed il costo è indicativamente sui 15/20 euro al giorno. Inoltre, molti family-hotel li mettono a disposizione degli ospiti od ancora, esistono addirittura siti di noleggio online: si fa l’ordine a casa, e si trova il passeggino direttamente in loco! Se hai già idea di dove ti piacerebbe andare, prova a scrivermelo che ti dico subito se in zona mi risultano noleggi!

  2. Stefania dice:

    Ma che meraviglia!! Proprio oggi abbiamo adocchiato un hotel a Bellamonte per il prossimo luglio! Terrò sicuramente in considerazione questa escursione!!!… anche se… mi spaventa l’idea di prendere la seggiovia con la mia bimba di 18 mesi! Si vede che non siamo per niente esperti di montagna…

    • Azzurra
      Azzurra dice:

      E’ assolutamente normale avere un po’ di timore! Io stessa la prima volta ne avevo, ed ogni volta li tengo strettissimi! Bellamonte è un posto bellissimo, ci sono tantissime escursioni da fare nelle vicinanze, come anche la Val Venegia, Malga Juribello, i laghi di Colbricon, oppure anche solo il recinto dei cervi a Paneveggio! Purtroppo mi hanno segnalato che quest’anno le seggiovie di Castelir saranno chiuse per ristrutturazione 🙁 quindi Malga Bocche sarà raggiungibile dal sentiero che parte da Paneveggio, moooolto più ripido. Peccato! Non so se sarà previsto un servizio alternativo di collegamento, anche perchè al primo troncone della seggiovia c’è anche il bellissimo parco acquatico “Giro d’Ali”!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.