Giro del lago di Anterselva: col passeggino nel blu dipinto di blu

Lago di Anterselva

Quello di Anterselva è uno dei più grandi laghi naturali dell’Alto Adige. E uno dei più pittoreschi, anche se meno conosciuto dei suoi vicini Braies, Dobbiaco e Landro. Oggi noi andremo alla sua scoperta compiendone il giro delle rive: un itinerario tranquillo e fattibile senza problemi anche in passeggino. Ma con una vista che certamente rimarrà impressa nella memoria e nel cuore!

  • Località di partenza: centro biathlon – Huber Alm
  • Parcheggio: alla località di partenza (grande, a pagamento: circa 5 euro tutta la giornata)
  • Mezzi utilizzati: passeggino da trekking
  • Tempo medio: due ore circa (percorso ad anello)
  • Difficoltà: facile
  • Dislivello: 50 metri
  • Tipologia di percorso: sentiero prevalentemente pianeggiante con alcuni saliscendi, più marcati sulla sponda occidentale

Lago di Anterselva: compare meraviglioso alla fine della Valle di Anterselva

Dopo aver percorso tutta la meravigliosa Valle di Anterselva (coi suoi spettacolari paesini), arriveremo al grandissimo centro fondo (impossibile sbagliarsi) ove sarà necessario lasciare l’autovettura. Vi sono diverse soluzioni (a pagamento), ma non temete: le riconoscerete subito! Nei pressi dell’area sosta, anche Huber Alm (m. 1631): un dettaglio in più per effettuare la scelta corretta.

Lago di Anterselva
Il ruscello a fianco al sentiero per il lago di Anterselva
Rundweg: le indicazioni per il giro del lago

Una volta parcheggiato, sarà necessario dirigersi verso il lago camminando, con prudenza, dapprima lungo la strada asfaltata (che conduce a Passo Stalle). Trascorsi 5 minuti, saremo già in prossimità delle acque blu: ecco che, sulla destra, noteremo il sentierino in mezzo agli alberi: guadagniamolo e iniziamo la nostra passeggiata.

Il percorso contiguo alla carreggiata è stato creato apposta per evitare di proseguire assieme alle macchine (anche se, fortunatamente, il traffico non è mai tantissimo, anche perché l’accesso a Passo Stalle è consentito solo in alcuni orari). Al di là degli alberi e della strada, l’indaco meraviglioso del lago fa già capolino, così come le splendide cime che lo contornano.

Lago di Anterselva
Al di là della strada, il lago e le splendide cime

Il percorso attorno alle rive del lago di Anterselva è facile e adatto anche ai passeggini

Si continua in mezzo a pini, abeti e larici senza sforzo alcuno, ammaliati dalla bellezza del paesaggio. Supereremo così l’Hotel Seehaus, magnifica struttura con vista spettacolare, e potremo anche cimentarci nel tiro al bersaglio con le pigne… Che i bimbi gradiranno moltissimo!

Lago di Anterselva
Le indicazioni sono sempre presenti
Lago di Anterselva
Uno spettacolo della natura
Lago di Anterselva
Pure il gioco delle pigne!

Poco oltre, ecco uno spettacolare scorcio sul lago: non ci si potrà trattenere dalla voglia di avvicinarsi alla spiaggetta e godere di un panorama davvero unico. Abbandoniamo così, per pochi minuti, il nostro segnavia e, con prudenza, riattraversiamo la strada, scendendo ancora per pochi metri.

Il lago di Anterselva è lì, in tutta la sua poderosa bellezza, con il Collalto (m. 3436) e il Collaspro (m. 3273) che si specchiano nelle acque… I colori sono veramente sensazionali e variano col passare delle ore… Provate a venire qui in diversi momenti della giornata e ve ne accorgerete di sicuro.

Lago di Anterselva
I colori del lago di Anterselva variano col passare delle ore
Lago di Anterselva
Sfumature di colore: come in un quadro

Il sentiero sale leggermente: che meraviglia il lago di Anterselva dall’alto!

Ma noi dobbiamo proseguire!
Torniamo quindi sul nostro sentiero al di là della careggiata e prepariamoci ad affrontare il tratto più “duro” di tutta la passeggiata.
Il percorso infatti sale con un po’ di decisione nel bosco e, ignorato il bivio con l’Almweg per Steinzgeralm (dove siamo stati in inverno, anche), si alza un pochino di quota sino portarsi circa 50/70 metri dal lago di Anterselva.

Lago di Anterselva
Il lago dall’alto… Una meraviglia
Lago di Anterselva
Lago di Anterselva
Lago di Anterselva

Ancora più bello, se possibile, ammirare le acque verdi e turchine dall’alto! Ma non sarà la sola sorpresa: infatti alcune installazioni permettono di saperne di più su flora, fauna e geologia del luogo. Il fondo, sempre liscio e ben levigato, permette il transito dei passeggini (non gemellari) anche tradizionali, ma sempre meglio utilizzare quello da trekking, con freno sul maniglione.

Non passerà molto tempo che, piano piano, tutto il dislivello superato in salita sarà da perdere. Pian piano, così, scenderemo facilmente sino a ricongiungerci con la statale che, sempre con attenzione, dovremo riattraversare per guadagnare Enzianhutte (m. 1650), dove inizieremo l’itinerario di ritorno. (Ad Enzianhutte si mangia davvero benissimo: tenetelo a mente se avrete necessità di consumare anche il pranzo)

Lago di Anterselva
Uno spettacolo davvero senza paragoni
Enzianhutte
La deliziosa Enzianhutte, dove si mangia benissimo

Arrivati a Enzianhutte si torna indietro: a Platz am See si trova una grande area verde

Il lago di Anterselva è stato superato di qualche centinaio di metri. Da Enzianhutte parte anche il sentiero alternativo per Steinzgeralm e Passo Stalle, ma noi lo ignoreremo. Dovemo infatti tornare un pochino indietro per guadagnare le sponde e terminare il nostro percorso circolare.

Lago di Anterselva
Ecco di nuovo il lago, la cui bellezza ci lascia senza parole
Lago di Anterselva
Ritroviamo le nostre indicazioni “Seerundweg”

Transiteremo così in mezzo all’area sosta di Platz am See, un altro ristoro (più prossimo alle rive) dove, eventualmente, fermarsi per uno spuntino. Vi è anche un enorme zona verde ove stendere la propria tovaglietta ed effettuare il picnic: ecco, se questa è la vostra idea, dovrete necessariamente arrivare presto, poiché in estate è letteralmente presa d’assalto.

E non certo a torto: qui il panorama è veramente stupendo, con le acque blu che brillano al sole e le bianche cime delle Vedrette di Ries che si stagliano contro il cielo. È anche possibile fare il bagno (ma attenzione, la temperatura non è certo favorevole) o anche solo pucciare i piedini: ci sono tutti gli ingredienti per una giornata davvero divertente in un contesto unico.

Lago di Anterselva
Assolutamente rilassante riposarsi sulle sue spiaggette
Lago di Anterselva
Colori veramente incredibili

Il lago di Anterselva, coi suoi colori, regala scorci davvero spettacolari

È tempo però di proseguire. Guadagnato nuovamente il Rundweg (il sentiero che compie il periplo), si inizierà un pochino a salire (con meno fatica però di quella spesa sulla sponda e si ammirerà il lago di Anterselva da un’altra prospettiva. Impossibile però scegliere quella più bella! Da qualunque parte lo si guardi, non si potrà fare a meno di rimanere senza parole.

Lago di Anterselva
Ci si incammina per completare il giro del lago
Lago di Anterselva
Di nuovo si prosegue in leggera salita

Senza nessun problema, con incedere lento e gli occhi rivolti verso le acque blu, arriveremo al pontile che consente di superare un umido canneto. Purtroppo questo sarà l’inconfondibile segno che il percorso sta volgendo al termine… Ma niente paura: deliziose calette invitano a fermarsi e godere ancora di qualche scorcio diverso, da custodire indelebilmente nel cuore.

In breve si tornerà quindi al piccolo punto ristoro presente sulla carreggiata e, da lì, in meno di cinque minuti al parcheggio vicino alla Huber Alm. La giornata è quindi finita, ma ciò che i nostri occhi hanno ammirato sarà veramente da raccontare e poi rivivere, una volta a casa, guardando le numerosissime foto che avremo scattato.

Lago di Anterselva
La magia del lago di Anterselva non ci lascia nemmeno un attimo
Lago di Anterselva
La passerella ci indica che siamo quasi giunti alla fine del percorso
Lago di Anterselva
E si torna infine al punto di partenza

Dove dormire vicino al lago di Anterselva, in Val Pusteria

Noi abbiamo fatto tappa, come sempre quando andiamo in Alta Pusteria, allo Sporthotel Tyrol Dolomites di San Candido. Non facciamo certo mistero che sia il nostro hotel prediletto: ci troviamo così tanto bene da tornare sempre ogni anno, sia in estate che in inverno!

Nel centro della meravigliosa cittadina pusterese (a un minuto dalla strada pedonale), è anche in posizione assolutamente tranquillissima, con un bellissimo parco verde con tanti giochi per i bimbi e relax per i genitori.

Sporthotel Tyrol
Lo Sporthotel Tyrol Dolomites di San Candido, il nostro rifugio felice
Sporthotel Tyrol
Una posizione davvero splendida, nel verde ma sulla via centrale pedonale

Camere in stile tirolese sposano un design di alto livello e la cucina è veramente eccezionale. Ogni sera, dopo le escursioni, ottimi piatti della tradizione locale (ma non solo) vengono serviti con maestria, deliziando il palato e consentendo di saziarsi sperimentando sempre nuovi accostamenti e sapori.

La SPA e la piscina regalano poi momenti di benessere mentre, volendo, i bambini possono divertirsi al miniclub tutti insieme. Insomma, Monny e la sua famiglia (i proprietari) sanno perfettamente come coccolare i propri ospiti! E anche cosa consigliare per impagabili passeggiate: questa al lago di Anterselva ci è stata infatti suggerita proprio qui e non potremmo esserne più felici!

Sporthotel Tyrol - Le camere
La nostra camera allo Sporthotel Tyrol: ampia e ideale per le famiglie

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

otto − cinque =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.