Dallo Schlegeisspeicher a Lavitzalm e al Passo di Vizze: meravigliosa escursione in Zillertal

Schlegeisspeicher

La Zillertal è una delle più famose valli del Tirolo Austriaco. Incredibilmente adatta alle famiglie con i bambini grazie ai suoi numerosi parchi in quota e super attività, riserva anche escursioni affascinanti e spettacolari, pure di diversi giorni. Oggi vi vogliamo portare con noi lungo una delle più caratteristiche, poiché si ritorna a piedi proprio in Italia: dal lago artificiale Schlegeisspeicher saliremo al Passo di Vizze passando dalla Lavitzalm. Pronti a seguirci?

  • Località di partenza: Schlegeisspeicher Stausee, lago artificiale
  • Parcheggio: alla località di partenza (diverse soluzioni molto grandi, gratuite)
  • Mezzi utilizzati: zaino portabimbo (passeggino da trekking non possibile)
  • Tempo medio: un’ora e mezza circa per Lavitzalm, ulteriori 40 minuti per Passo di Vizze – dure ore ritorno
  • Difficoltà: medio
  • Dislivello: 470 metri – Schlegeisspeicher m. 1785 – Lavitzalm m. 2095 – Passo di Vizze m. 2250
  • Tipologia di percorso: sentiero classico  dapprima semipianeggiante, poi in salita sino a Lavitzalm. Successivamente lieve discesa e nuovamente ascesa sino al Passo di Vizze

Come arrivare allo Schlegeisspeicher

Per arrivare allo Schlegeisspeicher bisogna percorrere tutta la Zillertal e poi, all’altezza di Mayrhofen, seguire per Ginzling (quindi dalla parte opposta rispetto a Tux e Hintertux) e “Alpen Straße“. Da qui, la carrozzabile è una soltanto: non vi potrete sbagliare!

Arrivati alla base della risalita per lo Schlegeisspeicher, troverete una dogana: la strada è infatti a pagamento (14 euro) e a senso unico alternato. Attendete il via libera e poi salite! Attenzione che, in alcuni punti, è parecchio stretta e con anguste buie gallerie.

Indicazioni per navigatore Google Maps: Schlegeisspeicher

Schlegeisspeicher
Il meraviglioso lago artificiale Schlegeisspeicher Stausee

Per Lavitzalm si parte dallo Schlegeisspeicher, il lago artificiale più famoso della Zillertal

Una volta giunti allo Schlegeisspeicher, continuate con la vostra autovettura sino a oltrepassarlo. Ad un certo punto, noterete che la strada effettua una curva per tornare verso il lago (direzione Zamsereck). Voi non dovete seguirla ma parcheggiare nell’ampissima area sosta che noterete, che si protende verso il Passo di Vizze e la sua verde valle.

Schlegeisspeicher
Iniziamo la nostra passeggiata dal parcheggio

Non avrete possibilità di errore: il posteggio si trova proprio a ridosso del torrente. Per iniziare l’escursione poi, dovrete portarvi alla sua destra orografica, proprio nei pressi del piccolo bar. E ora siamo pronti per cominciare!

Il nostro sentiero è il Tiroler Hohenweg, una delle antiche vie di collegamento tra Italia e Austria. Infatti, proseguendo lungo questa verdissima valle, arriveremo al confine con l’Alto Adige: al Passo di Vizze infatti, saluteremo la Zillertal e rientreremo nel nostro Belpaese.

Schlegeisspeicher
La camminata inizia di fianco al borbottante ruscello
Schlegeisspeicher
L’ambiente è selvaggio e bellissimo

Per salire a Lavitzalm e al Passo di Vizze ci vogliono due ore abbondanti. Non fattibili in passeggino

L’itinerario, inizialmente, si svolge su di una larga forestale praticamente pianeggiante, contornata da splendide e altissime montagne. Presto però il fondo liscio e levigato ci abbandonerà in favore di uno lastricato e sassoso ma, fortunatamente, dalla pendenza non impegnativa.

Lavitzalm
Dopo poco, la forestale lascia lo spazio ad un sentiero classico
Lavitzalm
L’itinerario è molto battuto anche dalle biciclette

Ci troviamo nella bucolica Zanser Tal (che, sino al 1920 apparteneva al comune di Val di Vizze), una verde vallata puntellata da fragorose cascate, cime bianche spolverate di neve, alberi che ondeggiando al vento. Un quadro meraviglioso!

Ma ancor più spettacolare è il pianoro che, dopo una prima mezz’oretta di salita (molto modesta) si parerà dinanzi a noi… Uno dei luoghi più belli senz’altro di tutto il Tirolo! Il torrente si divide in un dedalo di piccoli rivi dal colore trasparente, i prati brillano d’un verde quasi irlandese e le montagne sembrano voler dare quel tocco di magia in più a tutto.

Lavitzalm
Il paesaggio è costellato di splendide cascate
Lavitzalm
Il verde pianoro sotto Lavitzalm è di una bellezza disarmante
Lavitzalm
Qui ci si può rilassare un pochino prima della salita

L’itinerario dallo Schlegeisspeicher al Passo di Vizze è tranquillo e fattibile anche dalle famiglie

Questa radura ci permette di tirare il fiato per una quindicina di minuti (anche di più considerando le numerosissime soste fotografiche) prima di iniziare la vera e propria salita verso Lavitzalm che, poco più avanti, ci metterà un pochino alla prova.

Lavitzalm
Un piccolo angolo di paradiso
Lavitzalm
Si ricomincia a salire, stavolta più in pendenza

Sì perché sin qui non abbiamo fatto praticamente alcuna fatica. E quindi, pian piano, iniziamo a superare i circa 200 metri di dislivello rimanente verso Lavitzalm di cui, aguzzando la vista, possiamo scorgere la bandiera in cima allo sperone roccioso.

E così si sale, incontrando anche una freschissima fontanella… Non abbiate paura a riempire la boraccia, è assolutamente potabile!
La salita finale verso Lavitzalm è certamente il tratto più duro di tutta la passeggiata. Ma non temete: in breve (massimo ad un’ora e mezza dalla partenza) sarete in dirittura d’arrivo.

Lavitzalm
Si vivono anche delle piccole avventure!
Lavitzalm
E si beve freschissima acqua di montagna

Lavitzalm è aperta al pubblico e si può naturalmente anche mangiare

Finalmente un cancelletto ligneo vi darà il benvenuto all’interno dell’area di Lavitzalm… Che quindi è conquistata!
Lavitzalm è l’ultimo avamposto austriaco prima del Passo di Vizze e del confine italiano. Curiosamente, pur essendo in territorio teutonico, è gestita da altoatesini: infatti, vi si può arrivare in macchina, ma solo dal versante sudtirolese (quello infatti che abbiamo percorso noi non è assolutamente percorribile).

Lavitzalm
Non mancano anche dei posti dove poter riposare
Lavitzalm
La salita però è mitigata dalla bellezza del paesaggio

A Lavitzalm si può naturalmente mangiare un buon boccone per ristorarsi e rigenerarsi. La vista qui è veramente strepitosa, soprattutto verso il Passo di Vizze… Sotto di noi infatti, un altro stupendo pianoro con il torrente che si dirama sino a formare tantissimi piccoli ruscelli.

E allora… Non vi viene la voglia di poter provare a salire sin lassù, al Passo di Vizze? Dopotutto, sono ancora solo 150 metri di dislivello, su forestale. Non più di 40 minuti totali. Però attraversare il confine a piedi e rimpatriare sarà veramente emozionante!

Lavitzalm
E, finalmente, Lavitzalm è conquistata, con la verde valle alle sue spalle
Lavitzalm
Lavitzalm è un bel punto di ristoro panoramico

Al Passo di Vizze (e Pfitschejoch Haus) si rientra in Italia attraversando il confine a piedi

Quindi, ricominciamo a camminare, stavolta in leggera discesa sino a guadagnare la parte pianeggiante dell’itinerario che, però, in breve terminerà (non prima però di averci fatto saltellare su dei cassetti per attraversare un rivo). Poco più avanti, un bivio: il Passo di Vizze (e il Pfitschejoch Haus, il rifugio situato alla sommità del valico) è segnato lungo una scorciatoia che s’innesta in mezzo ai prati.

Noi però la ignoriamo e proseguiamo sulla classica forestale. Il tempo impiegato sarà circa di 5 minuti in più, ma la fatica certamente minore. Inoltre, potremo ammirare le bellissime cascate che si gettano proprio di fianco alla strada… Fragorose e maestose.

Passo di Vizze
Si parte quindi alla volta del Passo di Vizze
Passo di Vizze
Accanto alla forestale, una splendida cascata
Passo di Vizze
Più si sale, più il paesaggio diventa lunare

Alla fine, passo dopo passo, perverremo al tanto agognato Passo di Vizze (m. 2250), confine di Stato; poco oltre, anche il Pfitschejoch Haus, proprio sul cocuzzolo. Ci siamo già stati una volta salendo dall’Italia! Incredibile riuscire ad arrivarci anche dall’altro versante…

Dopo le foto di rito sul cippo confinario (e, volendo dopo una gita al delizioso laghetto sotto al Pfitschejoch Haus), saremo poi pronti per ritornare al parcheggio e allo Schlegeisspeicher (e, se ve lo state chiedendo no, non c’è purtroppo purtroppo un sentiero circolare attorno al lago).

Schlegeisspeicher, un lago, mille attività: flying fox – zip line

Una volta rientrati allo Schlegeisspeicher, si potrà naturalmente tornare in hotel. Ma anche no! Sapete che ci può effettuare un volo adrenalinico da una parte all’altra della valle? È il flying fox e si passa, letteralmente appesi a una fune, accanto alla diga che dà origine al lago.

600 metri ad un’altezza di 131 metri dal suolo: è abbastanza per sentire i brividi? I costi:

  • 36 euro una persona
  • 40 euro una persona + 1 bambino sino a 40 kg
  • 2 euro di sconto con il tagliando del pagamento della strada

Per maggiori informazioni: www.schlegeis131.com

Schlegeisspeicher
Passare da una parte all’altra della valle sotto la diga… Incredibile!

Lavitzalm e Passo di Vizze: informazioni utili per l’escursione

  • Lavitzalm è generalmente aperta da metà giugno a metà settembre (da verificare)
  • Lavitzalm è contattabile tramite facebook https://www.facebook.com/lavitzalm
    .
  • Pfitscherjoch Haus è aperto da metà giugno a metà settembre (da verificare)
  • sito internet: www.pfitscherjochhaus.com
  • email: office@pfitscherjochhaus.com
  • telefono: 0472 – 630119
    .
  • Google Maps: Schlegeisspeicher
Lavitzalm
Itinerario per Lavitzalm – Geoflyer Europe 3D Maps

Dove dormire in Zillertal

Noi abbiamo soggiornato all’Hotel Edelehen di Mayrhofen, direttamente sulla strada statale che conduce sia a Ginzling che a Tux e Hintertux, ma in mezzo ad verde e alla tranquillità.

L‘Hotel Edenlehen è assolutamente ideale per le famiglie con i bambini e vanta un parco esterno meraviglioso: enorme, verdissimo e pieno di fiori. Immerso nella natura e con vista stupenda sulle cime della Zillertal, è senza dubbio un indirizzo ottimo per  i genitori che cercano una sistemazione in valle.

Si mangia molto bene e le camere sono spaziose e comode. Una bella piscina (interna ed esterna) completa l’offerta, regalando un soggiorno decisamente gratificante.

Per saperne di più: consulta prezzi e servizi

Hotel Edenlehen
Il magnifico parco dell’Hotel Edenlehen

Se invece cercate una soluzione più tranquilla e meno dispendiosa, certamente la sistemazione in fattoria può fare al caso vostro. Noi siamo stati al Klausnerhof di Aschau, a pochissimi chilometri da Zell Am Ziller, in mezzo al verde e con tanto silenzio.

Le camere sono spaziose e accoglienti, il giardino ampio e soleggiato, con giochi per i bimbi. Per le serate di brutto tempo è anche presente una sala con calcetto e biliardo. Non è prevista la cena, ma si effettua una colazione davvero strepitosa!

Per saperne di più: consulta prezzi e servizi

Klausnerhof
La deliziosa fattoria Klausnerhof con camere e appartamenti

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sei + sei =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.