Viel Del Pan: coi bambini di fronte alla Marmolada

Viel del Pan, coi bambini di fronte alla Marmolada

Oggi affronteremo un’escursione facile, adatta a tutti, con una particolarità assolutamente invidiabile: saremo in posizione privilegiata per ammirare la regina delle Dolomiti, ossia la Marmolada che, coi suoi 3342 m, è la cima più elevata di tutta la catena montuosa.

  • Località di partenza: Col di Rosc
  • Parcheggio: agli impianti di Canazei (ampio e gratuito)
  • Mezzi utilizzati: zaino portabimbo (passeggino sconsigliato, anche se non impossibile)
  • Tempo medio: cinquanta minuti circa
  • Difficoltà: facile-medio

Arrivati a Canazei, importante località turistica della Val di Fassa e parcheggiata la macchina proprio di fronte agli impianti di risalita, si prende subito l’ovovia che conduce a Pecol e poi, successivamente, la funivia che in pochissimo tempo conduce al Col di Rosc (m. 2383), dove la nostra vista può spaziare quasi a 360 gradi: il Sassolungo (m. 3181), il Sassopiatto (m. 2958), il gruppo del Sella con l’inconfondibile piramide del Piz Boè (m. 3162) – per gli esperti escursionisti il tremila più facile di tutti i Monti Pallidi –  e il Rifugio Maria (m. 2950).

Viel del Pan, coi bambini di fronte alla Marmolada

Il primo tratto, che ci conduce sino al Rifugio Belvedere (m. 2335), è in discesa e ricalca la pista da sci invernale; successivamente, una dolce salita fa guadagnare la Baita Fredarola (m. 2370), punto d’incontro degli escursionisti provenienti dal Passo Pordoi; da qui si prosegue a mezza costa, con semplici cambi di pendenza, sul sentiero Viel del Pan (antica via “del pane”), in mezzo a prati rigogliosi e verdissimi; il fondo è abbastanza liscio, tranne alcuni punti ghiaiosi su cui fare attenzione.

In circa cinquanta minuti di cammino a passo lento, si arriva al Rifugio Viel dal Pan, situato a 2432 metri, da cui si gode di una vista incomparabile sulla Marmolada, la Regina delle Dolomiti: il suo ghiacciaio si offre a noi in tutta la sua maestosa bellezza, stagliandosi contro il cielo e riflettendosi nelle acque del lago Fedaia, posto proprio alle sue pendici; il suo balcone panoramico merita senz’altro una menzione d’onore tra tutti quelli dei rifugi dolomitici! Per i bimbi, però, oltre a questo spazio, non c’è molto altro: le pendenze dei prati infatti non consentono ampi spazi per fare pic-nic e senz’altro è assolutamente doveroso non perderli mai di vista.

Viel del Pan, coi bambini di fronte alla Marmolada

Da qui, l’escursionista esperto può senz’altro proseguire verso altri mete, come il Rifugio Gorza (m. 2478), oppure al Sas de Ciapel (m. 2557), ma certamente sono itinerari più impegnativi, da affrontarsi con alle spalle una dose di allenamento e mettendo in conto certamente molto più tempo.

Questo sentiero è sicuramente uno dei più quotati e famosi di tutte le Dolomiti trentine e non a torto: offre un connubio invidiabile tra fruibilità e paesaggio, che la rende appetibile a tutti gli amanti delle montagne, specialmente alle famiglie con i bimbi.

Viel del Pan, coi bambini di fronte alla Marmolada

(Nota per l’utilizzo eventuale del passeggino: il fondo non è particolarmente sconnesso e non ci sono salite tali da renderne impossibile l’utilizzo; tuttavia, per la conformazione della mulattiera e per i tratti ghiaiosi, consigliamo lo zaino porta-bimbo)

.
RifuginretePer ulteriori informazioni, consultate la scheda del Rifugio Viel dal Pan

 

Altre idee interessanti

4 pensieri su “Viel Del Pan: coi bambini di fronte alla Marmolada

    • Azzurra
      Azzurra dice:

      Ciao! Per non prendere gli impianti, si potrebbe partire dalla vetta del Passo Pordoi e prendere il sentiero 601 sino a Baita Fredarola: sono circa 150m di dislivello; questo tratto l’ho fatto tantissimi anni fa quando ero bambina, e me la ricordo pendente, però avevo 10 anni e non sono attendibile! Da Col di Rosc invece, partendo in quota, è praticamente pianeggiante.

  1. Ceistian dice:

    Ok con zaino invece x me sconsigliato con bimbi piccoli che camminano. Il sentiero non è molto largo e molto esposto alle ripide pareti della montagna.

    • Azzurra
      Azzurra dice:

      Grazie del consiglio! Noi lo abbiamo provato con zaino e infatti lo consigliamo così. Qualcuno si è anche avventurato in passeggino!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.