Da Cortina a Campo di Sopra, in passeggino con vista sulle Dolomiti d'Ampezzo

Da Cortina a Campo di Sopra, in passeggino con vista sulle Dolomiti d’Ampezzo

La regina delle Dolomiti, Cortina d’Ampezzo, non ha bisogno di presentazioni: adagiata nella sua magnifica conca e contornata da cime leggendarie (Sorapis, Cristallo, Tofane, Antelao, Pomagagnon) offre sia panorami davvero mozzafiato che anche semplici passeggiate alla portata di tutti. Oggi infatti percorreremo, grazie a Teresa e alla rubrica Trekking a 6 zampe, il facile sentiero che collega la più nota delle cittadine della Valle del Boite alla sua frazione Campo di Sopra. Seguiteci!

A volte non serve fare tanta fatica per riempirsi gli occhi di meraviglia e questo è il caso di questa semplice e breve passeggiata a sud di Cortina. Cortina d’Ampezzo, la regina delle Dolomiti, è una delle località di montagna più rinomate e frequentate, sia in inverno, con i suoi 85 chilometri di piste del carosello Dolomiti Superski, sia in estate per le belle vie panoramiche che la zona offre.

  • Partenza: località Campo di Sopra (dalla chiesetta di San Candido e Giuseppe)
  • Parcheggio: a circa 30 metri dalla chiesetta (piccolo, gratuito)
  • Mezzi utilizzati: passeggino da trekking
  • Tempo medio: 30 minuti circa
  • Difficoltà: facile
  • Dislivello: 70 metri
  • Tipologia di percorso: saliscendi; inizio in lieve salita, dopo pianeggiante per scendere in corrispondenza del torrente Boite e risalire sino Cortina

La valle d’Ampezzo, l’ampia e soleggiata conca che ospita Cortina, è un territorio in provincia di Belluno posizionato tra il Cadore, la Val Pusteria e la Val Badia (alla quale è collegata da il Passo Falzarego e il Passo Valparola). È  circondato a 360 gradi da massicci dolomitici di grande bellezza come il gruppo del Sorapiss, della Croda da Lago, del Nuvolau del Cristallo, le Tofane, il Pomagagnon e le Cinque Torri: un vero spettacolo della natura!

Da Cortina a Campo di Sopra, in passeggino con vista sulle Dolomiti d'Ampezzo

In questo scenario unico al mondo non mancano semplici passeggiate alla portata di tutti, anche bambini piccoli in passeggino e cani: l’offerta è veramente ampia e variegata, ci vorrebbe un mese per esplorare tutto! Noi però, per oggi, ci accontentiamo di una camminata facile e veloce, giusto per riscaldare i muscoli in vista di trekking più impegnativi, che certo qui abbondano.

Punto di partenza di questa passeggiata è il paesino Campo di Sopra, a sud di Cortina, in prossimità della chiesetta di San Candido e Giuseppe. Terminata nel 1753, la piccola pieve a pianta ottagonale vanta l’orologio del campanile proveniente dall’Antico Castello di Botestàgno, così come anche la campana (rifusa).

Attraversato un piccolo ponticello inizia lo sterrato che, con una lieve e piacevole salita, ci accompagna fino al punto in cui la vista può spaziare a 360 gradi sulle Dolomiti Ampezzane: davanti a noi troviamo infatti le Tofane, il Pomagagnon e il Cristallo; sulla nostra destra il Faloria e il gruppo del Sorapiss e, dietro, il Becco di Mezzodì e la Croda da Lago.

Da Cortina a Campo di Sopra, in passeggino con vista sulle Dolomiti d'Ampezzo

Continuiamo quindi passeggiare lungo il nostro sentiero che prosegue poi in mezzo ai prati, spianandosi: durante il percorso si trovano alcune panchine di legno per fare una sosta e ammirare questo paesaggio slendido… Come non approfittarne? Con la scusa di riposarsi (anche perché non ce n’é un reale bisogno)  avremo la possibilità di scattare decine e decine di immagini ricordo, da contemplare una volta rientrati, purtroppo, a casa.

Dopo circa 1 chilometro, la strada scende fino al ponte sul torrente Boite (il corso d’acqua che dà il nome alla valle e nasce poco sopra Cianp di Crosc, nella Val Salata, lungo la via per il Rifugio Sennes): da qui termina lo sterrato e inizia la parte asfaltata che, dopo una salita, ci porta direttamente nell’abitato di Cortina. Superata l’antica polveriera della città, costruita tra il 1859 e il 1862, e i campi da tennis, si sale fino alla chiesa della Difesa e poi fino al centro e alla famosissima passeggiata di Corso Italia.

E qui ci si può sbizzarrire… La nota Cooperativa di Cortina vanta un assortimento davvero unico di oggetti tipici e suppellettili che certamente faranno gola a tutti (io torno sempre con qualcosa: uno gnomo in legno, un boccale di birra…), oltre ad offrire svariati piani di abbigliamento e biancheria per la casa. Lungo il viale poi non mancano i rinomati negozi delle griffe più famose, che proprio qui lanciano in anteprima le loro collezioni.

Da Cortina a Campo di Sopra, in passeggino con vista sulle Dolomiti d'Ampezzo

Dopo aver indugiato e passeggiato (e magari anche mangiato un gelato o una fetta di torta in uno dei bar del corso) saremo infine pronti per rientrare al punto di partenza, seguendo il medesimo sentiero dell’andata.

Altre idee interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.