Rifugio Città di Carpi in inverno, meravigliosa panoramica escursione

Rifugio Città di Carpi

La zona di Cortina è veramente spettacolare: in estate è piena di splendide passeggiate da fare con i bambini. Ma pure in inverno regala itinerari incredibili: oggi raggiungiamo il lago di Misurina per effettuare la camminata sulla neve verso il Rifugio Città di Carpi. Cosa ne dite di seguirci?

  • Località di partenza: Rifugio Col de Varda
  • Parcheggio: seggiovia Col de Varda (ampio – gratuito)
  • Indicazioni parcheggio Google Maps: https://goo.gl/maps/NURK1cUqmYPyBdFs5
  • Mezzi utilizzati: ramponcini – neve battuta
  • Tempo medio: un’ora e mezza circa andata – un’ora e mezza ritorno
  • Difficoltà: facile
  • Dislivello: 200 metri – Rifugio Col de Varda m. 2115 – Bus de Pogofa m. 1930 – Rifugio Città di Carpi m. 2130
  • Ritorno in slittino: NO
  • Tipologia di percorso: larga forestale battuta dapprima in discesa sino al Bus de Pogofa e poi in salita sino al Rifugio Città di Carpi

Escursione invernale: consultare sempre l’Ufficio Turistico per verificare le condizioni del manto nevoso, la fattibilità del percorso e l’equipaggiamento da utilizzare

Rifugio Città di Carpi in inverno: da dove partire, come arrivare, dove parcheggiare

Per iniziare la nostra passeggiata verso il Rifugio Città di Carpi, è necessario giungere al lago di Misurina (da Cortina via Passo Tre Croci oppure da San Candido passando per la Val di Landro).

Una volta arrivati, seguite le indicazioni per “seggiovia Col de Varda”: un ampio parcheggio vi attende proprio accanto alla costruzione storica per la cura delle malattie respiratorie.

Prendete poi gli impianti e godetevi la panoramica salita!

Rifugio Città di Carpi
Il Gruppo del Sorapiss e le Marmarole dal Rifugio Città di Carpi

Il sentiero per il Rifugio Città di Carpi parte dal lago di Misurina

La seggiovia panoramica Col de Varda vi condurrà sino ai 2115 metri dell’omonimo Rifugio Col de Varda, punto di partenza della nostra passeggiata odierna.

Rifugio Col de Varda
Il Rifugio Col de Varda, punto di partenza dell’escursione
Rifugio Col de Varda
Il panorama dal Rifugio Col de Varda è veramente super

La via sino al Rifugio Città di Carpi è battuta dal gatto delle nevi (nei periodi di apertura del ristoro, generalmente da Natale a fine marzo) per cui, in caso di nevicate abbondanti assenti, si può compiere con i soli scarponi (anche se sempre consigliamo i ramponcini: un modello lo trovate qui su Amazon)

Dunque: si parte immediatamente in discesa, anche un po’ ripida, affiancando la pista da sci: dobbiamo infatti ricongiungerci alla forestale che sale dal lago di Misurina, che si trova un po’ più a valle.

La via per il Rifugio Città di Carpi è molto ben segnalata
Rifugio Città di Carpi
Il grandioso panorama sulle Dolomiti non ha eguali

Al Rifugio Città di Carpi si arriva anche in inverno su neve battuta in circa un’ora e mezza

Volendo infatti, gli impianti non sarebbero necessari per poter compiere l’escursione: con i bambini però, magari meglio evitare tutta la parte iniziale con quasi 400 metri di dislivello per regalarsi solo lo splendido (e poco faticoso) tratto in quota.

Rifugio Città di Carpi
La strada procede sotto i Cadini di Misurina
Rifugio Città di Carpi
La vista sul Cristallo è splendida, ma ci abbandona presto

Quindi, dopo la parte iniziale in declivio, ecco che ci riuniremo al segnavia 120: d’ora in avanti il sentiero sarà tutto in falsopiano. O meglio: in leggera discesa sino al punto più basso (Bus de Pogofa) per poi risalire sino alla meta, il Rifugio Città di Carpi.

La vista è subito grandiosa: il Cristallo infatti fa bella mostra di sé e, poco distante, anche il Sorapiss incombe all’orizzonte. In breve però, il Cristallo ci saluterà per farsi sostituire dalle Marmarole, gruppo dolomitico cadorino non molto conosciuto, ma senz’altro affascinante e spettacolare.

In breve, si raggiunge il punto più basso dell’escursione, ossia il Bus de Pogofa

La camminata invernale al Rifugio Città di Carpi è facile e molto panoramica

La strada procede dapprima proprio sotto i Cadini di Misurina, con un panorama veramente super arioso… Montagne a perdita d’occhio! Qui senza dubbio si potrebbe stare ore a contemplare il paesaggio, tanto è bello. E, siamo sicuri, scatterete centinaia di foto!

La vista è davvero meravigliosa

Si cammina senza fatica (in lieve pendenza) sino ad incontrare quindi un boschetto: qui ci troveremo anche dinanzi al bivio per Malga Maraja, che dovremo ignorare. Malga Maraja (m. 1696) è un’altra meravigliosa destinazione che presto testeremo: una vista senz’altro tra le più mozzafiato delle Dolomiti.

Ma non perdiamoci: siamo arrivati (come vi anticipavamo) al Bus de Pogofa (m. 1930), punto più basso della passeggiata. Ora bisogna risalire! Non temete: non sarà difficile, basterà andare piano.

Si transita in mezzo agli alberi
Rifugio Città di Carpi
E poi di nuovo le Marmarole, gruppo poco conosciuto ma meraviglioso

Il dislivello dal Rifugio Col de Varda al Rifugio Città di Carpi è di 200 metri

In poco tempo infatti ci lasceremo il boschetto alle spalle e le Marmarole parranno decisamente più vicine. Ma non solo: la via sembra volersi addentrare proprio all’interno del Gruppo dei Cadini… Significa che non manca poi molto.

Rifugio Città di Carpi
La meta si avvicina e la via inizia un po’ a salire
Meravigliosi scorci nel bosco

Nell’ultimo tratto la forestale aumenta leggermente la sua pendenza… E si fa largo tra il candido manto bianco: se però alziamo lo sguardo, ecco che noteremo l’inconfondibile sagoma di una casetta. Ormai siamo praticamente arrivati.

Il Rifugio Città di Carpi (m. 2130) ci dà il benvenuto in un contesto naturale veramente eccezionale. Baciato dal sole, nel mezzo dei Cadini e con la vista che, finalmente, abbraccia pure le Tre Cime: cosa volere di più?

Rifugio Città di Carpi
Ed ecco finalmente il Rifugio Città di Carpi con gli appuntiti Cadini di Misurina
Rifugio Città di Carpi
La spettacolare vista sul Sorapiss non ha paragoni

Il Rifugio Città di Carpi è aperto in inverno nei fine settimana da Natale a Pasqua

Il Rifugio Città di Carpi è aperto in inverno (in alcuni periodi tutti i giorni, in altri solo il fine settimana), si può quindi mangiare ed è una vera bellezza: pace, serenità e tanta, tantissimo spazio.

Rifugio Città di Carpi
Il Rifugio Città di Carpi è aperto in inverno nei fine settimana
Il Rifugio Città di Carpi è situato alla Forcella Maraja

In estate qui trovate sempre moltissime persone, in inverno un po’ meno ed è questo il suo fascino: potrete assaporare una natura splendida, quasi incontaminata. E ovviamente riempire la pancia come si deve!

Dopo aver indugiato con un piatto caldo e una bevanda bollente, sarete poi pronti per rientrare e godervi, magari, il lago di Misurina al tramonto o, ancora meglio, il poco distante lago di Antorno, ammirando i Cadini da un’altra prospettiva.

Da non perdere qui una buona mangiata
Rifugio Città di Carpi
Una bellezza senza paragoni, luogo spettacolare

Rifugio Città di Carpi: orari di apertura, contatti e informazioni utili

Itinerario per Rifugio Città di Carpi – Geoflyer Europe 3D Maps

Altre idee interessanti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

17 − undici =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.