Tutti a Fuciade col passeggino!

Tutti a Fuciade col passeggino!

La più classica e frequentata delle escursioni per bimbi in Val di Fassa è senz’altro quella che collega il Passo San Pellegrino (m. 1918), valico che mette in comunicazione il Tentino col Veneto, al Rifugio Fuciade (m. 1982): si tratta di una camminata assolutamente semplicissima e senza nessuna difficoltà, tanto che è possibile percorrerla con qualsiasi tipo di passeggino (anche se quello da trekking è sempre consigliato).

  • Località di partenza: Passo San Pellegrino (Val di Fassa – Trentino)
  • Parcheggio: Passo San Pellegrino (molto ampio – gratuito)
  • Mezzi utilizzati: passeggino da trekking
  • Tempo medio: un’ora scarsa
  • Difficoltà: facile
  • Dislivello: 65 metri – Passo San Pellegrino m. 1918 – Rifugio Fuciade m. 1982
  • Tipologia di percorso: lunghi tratti pianeggianti alternati a brevi di modesta salita

.Lasciata l’autovettura in uno dei moltissimi parcheggi alla sommità del Passo San Pellegrino, immediatamente dovremo imboccare l‘ampia strada che, appena sotto al ponticello ligneo delle piste da sci invernali, si stacca sulla sinistra. Una breve passeggiata di nemmeno dieci minuti ci condurrà subito al Rifugio Albergo Miralago (m. 1920), ove si trova anche un pittoresco laghetto: dopo aver indugiato qualche minuto, saremo pronti per iniziare la via vera e propria, immettendoci nel bel bosco rigoglioso e profumato, camminando tranquillamente senza pendenza alcuna.

Tutti a Fuciade col passeggino!

Pian pianino la strada (che, da asfaltata è ormai divenuta sterrata) ci consente di proseguire lasciando che la nostra vista possa spaziare sulle vette circostanti: le cime degli alberi, infatti, ogni tanto si diradano e svelano un paesaggio davvero mozzafiato… Civetta, Cime Pape, Focobon, Mulaz, Col Margherita: un anfiteatro davvero grandioso che consente di presagire la bellezza che incontreremo una volta arrivati.

La forestale non presenta alcun tratto faticoso anzi, continua pianeggiante donando la possibilità anche ai più piccini di muovere i primi passi su di un vero e proprio itinerario montano; superata la deviazione per Malga Boer (sulla destra), la via entra definitivamente nel bosco, che ci accompagnerà per tutta la prima parte di passeggiata, offrendo una gradevole ombra nelle giornate estive più assolate.

Un tratto maggiormente pendente (l’unico di tutta la camminata) ci indicherà che ormai abbiamo quasi terminato il pezzetto meno panoramico: difatti, a fine salita, gli alberi finiranno per lasciar spazio ad uno dei paesaggi più belli di tutte le Dolomiti del Trentino… Eccoci finalmente nella conca di Fuciade dove, in fondo, si può già scorgere l’agognato rifugio! Manca circa mezz’oretta scarsa all’arrivo ma certamente impiegheremo molto di più: già perché il la vista meravigliosa invoglierà a fermarsi più e più volte a fotografare, mentre i  bimbi correranno tutt’intorno sui bei prati sempre falciati.

Tutti a Fuciade col passeggino!

Una miriade di fienili costella il verde smeraldino, testimoniando l’operosità dei tempi passati: una volta infatti quassù si saliva per la fienagione e per far pascolare i capi di bestiame che poi, in inverno, avrebbero dovuto garantire il sostentamento delle famiglie locali. Oggi questi tabià sono stati tutti sapientemente ristrutturati: come sarebbe bello possederne uno per poter ammirare albe e tramonti da questa invidiabile posizione!

Camminando con molta serenità, in breve si perverrà (superata la deviazione per la Baita Flora Alpina, da cui sale un altro ampio e ben battuto sentiero) infine al Rifugio Fuciade (m. 1982), luogo davvero bucolico e assolutamente ideale per tutte le famiglie con i bambini, forse addirittura il più bello di tutta la Val di Fassa! Di fonte a noi Focobon e Mulaz, estreme propaggini del Gruppo delle Pale di San Martino mentre dietro, imponente, la catena di Cima Uomo, oltre la quale si trova la Regina delle Dolomiti, la Marmolada.

Assolutamente frequentatissimo (anche in inverno è una meta decisamente gettonato), è anche un rinomato ristorante d’alta quota, ove i piatti della tradizione trovano una sapiente rivisitazione in chiave moderna (gli ingredienti però sono tutti a km 0): se desiderate provare a pranzare, dovrete necessariamente prenotare giacché è praticamente impossibile trovare posto! Ma non temete, i prati circostanti a perdita d’occhio sono un’ottima occasione per provare la rilassante esperienza di un bel picnic: l’assenza di pericoli infatti gioca decisamente a favore, garantendo tanto svago e innumerevoli possibilità di correre e saltare.

Tutti a Fuciade col passeggino!

Le possibilità escursionistiche da qui sono praticamente infinite: si potrebbe ascendere al Passo Cirelle (m. 2683) e continuare per il Rifugio Contrin (m. 2016) oppure, deviando verso il Passo Ombrettola (m. 2684), la meta diventerebbe il Rifugio Falier (m. 2074). Da non perdere la solitaria salita verso Forca Rossa (m. 2490), uno delle ultimi avamposti del gruppo di Cima Uomo da dove poi, volendo, si potrebbe scendere verso la Valle del Biois. Attraverso la Val di Forca e la Valfredda invece, si raggiungere Malga Bosch Brusà (m. 1867) oppure ancora l’idilliaca Malga Ai Lach (m. 1816). Trekking spettacolari certo, ma riservati ai più esperti.

La giornata a Fuciade passa alla velocità della luce: tra le corse nei pascoli e i giochi messi a disposizione dal rifugio (e accessibili a tutti), in men che non si dica arriverà il momento di dover rientrare al parcheggio. E allora via, di nuovo verso il Passo San Pellegrino, gustandoci però ancora una volta questo spettacolare panorama che, siamo certi, rimarrà scolpito nel vostro cuore.

Tutti a Fuciade col passeggino!

Consigli utili per l’escursione al Rifugio Fuciade

  • si arriva solo a piedi? Sì, non è possibile giungere in automobile a Fuciade. Chi desiderasse un mezzo di trasporto alternativo, potrà servirsi della caratteristica carrozza trainata dai cavalli: un vero e proprio viaggio nel tempo. Per riservare il posto, occorre telefonare al 346 – 21.56.047: vi risponderà il simpaticissimo Michele. Attenzione però: prenotatevi con largo anticipo!
  • dove parcheggiare? Le aree sosta del Passo San Pellegrino, in estate, sono prese d’assalto e può capitare di non trovare posto. Dunque arrivate presto oppure tentate la fortuna e salite direttamente verso il Rifugio Miralago dove, accanto, c’è una piccola zona libera. Ma ancor più avanti, proprio a ridosso del divieto di transito, c’è un altro parcheggio: pochissimi ne conoscono l’esistenza, per cui potreste anche essere fortunati!

Altre idee interessanti

16 pensieri su “Tutti a Fuciade col passeggino!

  1. Marta dice:

    Passeggiata al rifugio fuciade bellissima!!!! Facile e con panorami mozzafiato.. L’abbiamo fatta ieri con la nostra bimba di tre anni e tre mesi che con i suoi scarponcini l’ha camminata tutta!!!! Speriamo di fare tutte le camminate di cui parlate nel sito.. grazie perché ci aiutate davvero molto con le vostre preziose indicazioni!!!!

    • Azzurra
      Azzurra dice:

      Grazie mille Marta! Sono proprio contenta che l’escursione vi sia piaciuta: Fuciade è un luogo magnifico, io ci vado da quando anch’io avevo l’età della tua bimba! Spero possiate passare splendide vacanze in montagna:fammi sapere quali itinerari farete!

      • Marta dice:

        Che dire.. un’esperta a disposizione non si può non interpellare per un consiglio! Domani vorremmo fare un’altra uscita.. noi alloggiano a Canazei.. cosa proponi? Volevamo vedere col Rodella ma mi dicevano che lassù per la piccola non è proprio ideale.. grazie!!

        • Azzurra
          Azzurra dice:

          Senz’altro dovreste provare la Valle San Nicolò: più impegnativa di Fuciade, ma merita davvero! Il paesaggio è strepitoso e il pianoro alla Baita alle Cascate ideale per giocare!

  2. Mary dice:

    Azzurra grazie per questo bellissimo articolo ricco di idee!!! Posso chiederti alcune informazioni?
    Noi alloggeremo a Falcade, abbiamo un bimbo di 3 anni e mezzo. Che passeggiate ci consigli?
    Grazie!!!

    • Azzurra
      Azzurra dice:

      Saremo vicini di casa allora: noi saremo proprio lì dal 22 luglio!
      Allora, oltre a Fuciade (che è imperdibile) potete salire al Rifugio Laresei pian pianino in circa un’oretta e mezza, oppure fare un bel pic-nic in Val di Gares; un pochino più lontano, verso Passo Rolle, da non perdere è Malga Juribello, facilissima e praticamente pianeggiante, la magica Val Venegia (mio posto preferito), oppure la facile discesa alla scoperta dell’Alpe Lusia.
      Non male nemmeno la camminata in Valfredda (fattibile dal Rifugio Flora Alpina, deviazione poco prima della sommità del Passo San Pellegrino), ma lì ci vuole il pranzo al sacco, od anche una bella e rilassante passeggiata ai Serrai di Sottoguda, sempre emozionanti!
      Purtroppo non riesco ad inserirti direttamente qui i link, ma trovi tutte queste passeggiate sul blog!

  3. stefano dice:

    siamo andati oggi a san nicolò e ci è piaciuto tanto, adatta sia a grandi che piccoli comodo da raggiungere, molto carina la baita con le cascate,
    lo consiglio molto per famiglie e non

    • Azzurra
      Azzurra dice:

      Sono contenta che vi sia piaciuto! Anche noi, quando siamo andati, lo abbiamo trovato un luogo veramente adatto a grandi e piccini!

  4. Giorgio dice:

    Confermo che è un posto davvero splendido. Ieri poi il cielo era specchiato, quindi giornata ideale per godere il magnifico paesaggio.
    Fatta ieri con i miei tre bambini di 4, 6 e 9 è stata tranquillamente alla loro portata. Lo considero un buon punto di partenza per testare le doti di resistenza dei piccoli e prendere confidenza con l’ambiente montano. Dislivello molto contenuto, in un percorso facile di poco meno di 4km.
    Consigliatissima.
    Grazie per l’articolo!

    • Azzurra
      Azzurra dice:

      Buongiorno Giorgio, grazie mille per il feedback! La passeggiata a Fuciade è davvero semplice ma al contempo estremamente panoramica! E’ una delle mie preferite: ci vado da sempre e il mio bimbo più grande ha mosso lì i primi passi. Ideale davvero per le famiglie!

  5. Daniele dice:

    Siamo andati oggi, bellissimo posto, bei panorami, peccato tutto sia un po’ rovinato dalle auto che arrivano fino al rifugio….che di rifugio ormai ha ben poco. Un ristorante vero e proprio con tavoli ammucchiati, addirittura i garages….mah, come rovinare un posto splendido

    • Azzurra
      Azzurra dice:

      Ahimè il Rifugio Fuciade di rifugio ha ben poco, come dici tu giustamente. È più un ristorante d’alta quota. Il posto rimane però bellissimo…L’unica è cercare di poterci andare fuori stagione, come Braies o le Tre Cime. In ottobre per esempio è davvero fantastico, con colori fiabeschi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.