Otto splendide escursioni per bambini in Val di Fassa

Val di Fassa

Chiunque vada in vacanza nelle Dolomiti trentine, sa bene che uno dei punti di riferimento per le famiglie con i bambini è la Val di Fassa, che offre innumerevoli attività  studiate ad hoc, ma anche splendide passeggiate a prova di piccolissimi: vediamole assieme!

1. Rifugio Fuciade

Immerso in splendidi panorami, in mezzo a pascoli a perdita d’occhio, la meravigliosa piana di Fuciade (m. 1982) è ciò che c’è di più family-friendly; il sentiero che lo collega alla cima del Passo San Pellegrino è molto facile, largo e dal fondo quasi liscio, quindi adatto anche ai passeggini: praticamente non si farà alcuna fatica, e ciò che guadagnerete sarà un luogo eccezionale, dove i bambini potranno scorrazzare in tutta tranquillità e i genitori rilassarsi gustandosi un bel pic-nic in mezzo alla natura.

Rifugio Fuciade

2. Alpe Lusia

Con la modernissima cabinovia, la cui stazione di valle è ubicata in località Ronchi (tre km dopo Moena lungo la statale del Passo San Pellegrino), si potrà raggiungere in men che non si dica Chalet Valbona (m. 1815) prima, e Le Cune (m. 2200): da qui, la strada è tutta in discesa e il ritorno può tranquillamente essere fatto con passeggino, transitando per il Rifugio Passo Lusia (con tanti bei giochi per i nostri pargoletti), dal panorama stupendo verso la Val di Fiemme e i Lagorai, per poi continuare verso il Rifugio La Rezila, dove è d’obbligo una sosta per gustare i fantastici piatti tipici (attenzione ai ciclisti)… La gradevole passeggiata in mezzo al fresco e profumato bosco sarà rilassante per i genitori e anche per i bimbi: quelli più piccoli, nei loro mezzi di trasporto, si addormentano sempre tutti!

Alpe Lusia col passeggino!

3. Ciampedie- Gardeccia

La bellissima camminata in mezzo a pini e abeti, che da Ciampedie (raggiungibile da Vigo con la funivia “Catinaccio” e da Pera con la seggiovia) conduce, in un’oretta, sino alla rigogliosa piana ove sorge il Rifugio Gardeccia, è percorribile anche con passeggino: stiamo percorrendo il “troi dei bosch“, con tanti cartelli esplicativi sulla geologia dei luoghi e la vita nei boschi, che affascineranno grandi e piccini; una volta poi giunti a destinazione, lo spazio per giocare sarà veramente immenso e i bimbi non vorranno più tornare indietro!

Rifugio Gardeccia

4. Val Duron

Se eccettuiamo la prima parte, in pendenza e poco panoramica, e prendiamo in considerazione il lunghissimo tratto che va dal Rifugio Micheluzzi (m. 1850) all’Alpe di Tires, possiamo tranquillamente affermare che la Val Duron è adatta a qualsiasi tipo di escursionista, e quindi anche ai genitori con passeggini: si potrà camminare lungo il largo sentiero in falsopiano sino a che lo si desidererà, senza porsi una meta definitiva (anche perchè, dopo il ristoro Lino Brach, il successivo rifugio è a più di due ore e mezza di strada, che poi inizia comunque a inerpicarsi); il panorama sarà sempre bello e vario, e si incontreranno anche tanti animali al pascolo: una gioia per i più piccini!Val Duron

5. Valle San Nicolò

Dopo aver lasciato la macchina in località Mezzaselva (m. 1726), l’ascesa alla Baita alle Cascate (m. 2000) porterà via un paio d’orette e costerà un po’ di fatica, ma ne sarà valsa la pena: i prati verdi e i panorami incredibili sono lì pronti ad aspettarvi, ed incontrerete moltissime altre famiglie con bimbi pronte a fare quattro chiacchiere; la strada è asfaltata sino alla Baita Ciampiè (m. 1826) e poi diviene sterrata, ma è fruibile anche con passeggino: via libera quindi anche ai più piccini!

Valle San Nicolò

6. Val Monzoni

E’ l’alternativa alla Valle San Nicolò, nel senso che, dalla Malga Crocifisso (m. 1522), raggiungibile in macchina, si può anche deviare a destra e salire in questo bellissimo luogo; la strada asfaltata (alcuni tratti sterrata) è  percorribile con passeggino, anche se in alcuni punti pendenti si potrebbe fare un pochino di fatica (meglio, a mio avviso, lo zaino portabimbo, più pratico, almeno qui); all’inizio il panorama fatica ad aprirsi, ma poi, come d’incanto, vi si parerà innanzi un paesaggio bucolico splendente! Si potrà fermarsi alla Malga Monzoni (m. 1862) dove ci sono anche tanti begli animali da vedere; i prati sono a perdita d’occhio e i bimbi saranno entusiasti di dove li avete portati. (in estate c’è anche la navetta che giunge sin qui: ecco gli orari)
Per i più esperti, e solo con zaino portabimbo, si potrà anche raggiungere, in quaranta minuti, il celebre Rifugio Taramelli (m. 2040), che gode di una impareggiabile vista su tutta la valle.

Val Monzoni

7. Rifugio Contrin

Da Alba di Canazei, dopo una ripidissima erta iniziale (ovviabile con navetta – orari), la Val Contrin si apre in tutto il suo splendore: oltrepassata la località Locia (m. 1736), punto d’arrivo del bus, il sentiero procede quasi in piano, mostrando le sue bellezze; questa parte è ideale per i bimbi, che potranno vedere anche animali al pascolo e correre per i bei prati; la salita finale verso il Rifugio omonimo (m. 2016) è pendente ma si farà in tranquillità, appagati dal magnifico panorama. Da fare con zaino portabimbo.

Rifugio Contrin, coi bambini alle pendici della Marmolada

8. Sentiero Viel del Pan

Dopo essersi serviti degli impianti di risalita di Canazei ed essere arrivati a Col di Rosc (m. 2380), l’itinerario verso il Rifugio Viel dal Pan (da farsi con zaino portabimbo, anche se con passeggino comunque percorribile) procede in semplici saliscendi, su di un fondo abbastanza liscio: la sua peculiarità è la magnifica vista sulla Marmolada, la regina delle Dolomiti: l’oretta scarsa che il tragitto richiede sarà alleggerita dallo splendido panorama, che davvero non ha eguali.
Il ristoro non ha molto spazio per i più piccini ma, una volta sulla via del ritorno, potranno sbizzarrirsi al Rifugio Fredarola (m. 2400), e verso gli impianti: ampi prati li aspettano (sebbene con cautele, visti i ripidi pendii circostanti)

Sentiero Viel del Pan

La Val di Fassa, oltre a queste, offre moltissime altre passeggiate: volete suggerircene qualcusa? Ormai l‘estate è alle porte!

Altre idee interessanti

Share on FacebookShare on Google+Pin on PinterestTweet about this on TwitterShare on TumblrEmail this to someone

30 Responses to Otto splendide escursioni per bambini in Val di Fassa

  1. orsola ha detto:

    Ottima idea e articolo ben fatto. Queste passeggiate con o senza Bambini le abbiamo fatte tantissime volte e le vostre descrizioni corrispondono al vero. Grazie

    • Azzurra Azzurra ha detto:

      Grazie a voi! Sono passeggiate stupende, vale la pena di ripercorrerle mille volte!

    • Anita ha detto:

      Scusate ma con bimbi di che età? Sul passeggino?

      • Azzurra Azzurra ha detto:

        Le escursioni fattibili con passeggino sono molto semplici, e sono:
        – Rifugio Fuciade
        – Alpe Lusia
        – Valle San Nicolò
        – Val Duron
        – Ciampedie/Gardeccia
        Le altre sono fattibili in zaino portabimbo, dal momento che presentano alcuni tratti più pendenti oppure maggiormente stretti.
        Per l’età dei bimbi a piedi, dipende molto da quanto sono abituati a camminare: al Contrin, per esempio, siamo arrivati con il mio bimbo più grande di tre anni che l’ha fatta tutta da solo in salita, ma è davvero soggettivo. Qualora si fosse alle prime uscite con i piccoli camminatori, è sempre meglio optare per qualcosa di decisamente semplice, anche eventualmente interrompibile a metà strada (con picnic magari). Di queste passeggiate, è sicuramente molto semplice quella verso Fuciade e la Ciampedie/Gardeccia. Tutta in discesa (ma più lunga) quella sull’Alpe Lusia.

  2. Katia ha detto:

    l’anno scorso abbiamo provato buona parte di questi sentieri e sono fattibilissimi con la zaino portabimbi e ci sono piaciute molto. Quest’anno proveremo altre passeggiate suggerite in questo articolo e grazie dei suggerimenti molto utili.

  3. Tania ha detto:

    E’ una settimana che navigo per trovare qualcosa di ben dettagliato… ottimo articolo, non vedo l’ora di partire… Ps devo dire ai signori dell’apt di copiare e incollare queste pagine. GRAZIE

  4. jody ha detto:

    Bellissimo articolo…vorrei chiedere a chi c’è gia stato se ci sono alcune camminate senza prendere bidovie funivie ecc…..soffrendo di claustrofobia non riesco proprio a prenderle. grazie mille

    • Azzurra Azzurra ha detto:

      Ciao Jody! Allora,sono tutte fattibili senza prendere impianti tranne:
      – Ciampedie – Gardeccia: può però ovviare, salendo a Gardeccia col bus navetta e fare il percorso al contrario
      – Viel del Pan: puoi salire anche da Passo Pordoi: segui le indicazioni per il Rifugio Viel dal Pan (in questo caso, avrai circa 200m di dislivello da affrontare prima di arrivare alla Baita Fredarola)
      – Alpe Lusia: lì purtroppo, se vuoi evitare l’ovovia, l’unica è salire a piedi, ma è faticosa).
      Per tutto il resto, via libera!

  5. stefano ha detto:

    splendida passeggiata a san nicolò bei panorami, molto carine le cascate,
    consigliatissimo per famiglie

  6. eva ha detto:

    ciao a tutti! vorrei fare un paio di gg in questa zona a fine ottobre. cosa ne dite del periodo? farà già parecchio freddo? il mio bimbo avrà 20 mesi

    • Azzurra Azzurra ha detto:

      Ciao! L’autunno ha colori veramente meravigliosi e sicuramente ti piacerebbe! Il problema in montagna è sempre il clima: ci sono anni che a fine ottobre sembrava di essere in coda all’estate ed altri dove già la neve aveva fatto la sua comparsa…purtroppo non è prevedibile! Se equipaggiati bene con un buon giaccone pesante (in caso facesse freddo) non dovreste avere difficoltà: tieni presente però che praticamente tutti i rifugi saranno chiusi, così come gli impianti. Però, di contro, avresti praticamente tutti i sentieri a vostra disposizione e paesaggi dalle tinte fiabesche!

  7. Laura ha detto:

    Grazie per queste idee, ma alcune sono fattibili anche in inverno? VALE la pena la val di Fassa per una settimana di escursioni invernali con bambini? grazie

    • Azzurra Azzurra ha detto:

      Ciao Laura! Alcune di queste senz’altro in inverno sono fattibili: sicuramente al Rifugio Fuciade si arriva tranquillamente (la strada è battuta), basta essere adeguatamente coperti e indossare calzature da trekking invernale; per le altre probabilmente bisogna utilizzare le ciaspole, però non sono mai stata nei mesi invernali, per cui non saprei dirti. Tieni presente che la Ciampedie – Gardeccia si trova all’interno del comprensorio sciistico di Vigo di Fassa e la passeggiata attraversa le piste, per cui ritengo non sia fattibile. Anche quella sull’Alpe Lusia attraversa le piste da sci, per cui ritengo (per lo stesso motivo della Ciampedie-Gardeccia) che non sia percorribile. Ti consiglierei di sentire direttamente l’Ufficio Turistico della Val di Fassa: sono gentilissimi e sapranno senz’altro segnalarti le migliori passeggiate invernali sul territorio, che magari sono diverse da quelle estive!

  8. roberta ha detto:

    Salve, innanzitutto complimenti per questo bellissimo e utilissimo sito…era proprio quello che cercavo! noi a luglio probabilmente soggiorneremo a vigo di fassa…quali sono le escursioni più vicine da fare con passeggino (bimbo di 3 anni)? grazie mille

    • Azzurra Azzurra ha detto:

      Ciao! Da Vigo di Fassa puoi sicuramente fare la Ciampedie – Gardeccia: davvero bellissima a livello paesaggistico e molto semplice. Da Pozza (il paese dopo verso Canazei) puoi invece salire in Valle San Nicolò (in macchina sino a Mezzavalle): sicuramente più impegnativa della precedente, vale però la pena arrivare sino alla Baita alle Cascate: in estate ci sono moltissime famiglie coi bambini e il bel prato invoglia a fare un delizioso picnic! Da non sottovalutare è anche salire al Passo Costalunga per poi andare al lago di Carezza (universalmente noto): da lì ci sono diversi percorsi da poter compiere col passeggino intorno allo specchio d’acqua. Questi sono i più vicini, ma la Val di Fassa non è grandissima, puoi agevolmente muoverti da Moena a Canazei e farli tutti (anche se un po’ più lontano, imperdibile è Fuciade!)

  9. Laura ha detto:

    Buongiorno, andremo in questa zona a luglio con una bimba che avrà un anno e mezzo. Pensavamo di affrontare le passeggiate alternando zaino da montagna (che porterà mio marito) e passeggino da trekking (che guideró io), ma siamo dei neofiti..potreste darmi qualche consiglio sulle caratteristiche dell’attrezzatura? Abbiamo visto dei passeggini al mercatino dell’usato ma non vorremmo sbagliare..grazie

    • Azzurra Azzurra ha detto:

      Ciao Laura! Allora, a mio parere, caratteristica imprescindibile di un buon passeggino da trekking è il freno sul maniglione che consente di frenare in caso di discese un po’ più impegnative. Importanti sono anche le ruote che devono essere adatte ad ogni tipo di terreno, meglio se non gonfiabili perché rischiano di forarsi. Il passeggino deve avere un buon sistema di ammortizzazione per consentire un buon comfort alla bimba, che così non sentirà eccessivamente il terreno sconnesso. Ci sono vari modelli che rispondono a queste caratteristiche: noi abbiamo sempre usato il baby Jogger City Elite pur avendone provati diversi (li trovi alla sezione “attrezzatura”) ma per esempio anche il thule, il peg perego book cross, il phil&ted sono ottime soluzioni.
      Per quanto riguarda lo zaino (anche qui trovi qualche recensione alla voce “attrezzatura”) noi abbiamo utilizzato il carrybaby Marsupio e ci siamo trovati molto bene. Le caratteristiche devono essere sicuramente un buon cinturone ventrale che permetta di scaricare il peso della pargola sulle anche, uno schienale che consenta una buona aerazione e degli spallacci abbastanza ampi che non infastidiscano. La cappottina parasole e l’antipioggia sono essenziali, così come non devono esserci parti che possano “grattare” la pelle, dal momento che spesso i bimbi tendono ad addormentarsi nello zaino e sono soggetti a sfregamento.
      Spero di esserti stata utile! Altrimenti, sono qui!

  10. Francesca ha detto:

    Ciao Grazie mille per tutti i dettagli!!! tutti utilissimi e interessanti, parecchi escursioni che segnali le abbiamo fatte e confermo che sono stupende e adatte ai bambini.Ti chiedo se conosci anche qualche MALGA dove ci sono gli animali dove davvero vale la pena andare, al mio bambino piacciono moltissimo gli animali e vorrei portarlo. Grazie Mille Francesca

    • Azzurra Azzurra ha detto:

      Ciao Francesca! Grazie mille per tutti i complimenti! Ti interessa sempre la zona della Val di Fassa o possiamo allontanarci un pochino?

  11. Federico ha detto:

    Buongiorno, sarò a Vigo di Fassa l’ultima settimana di Giugno con moglie e figlia di 6 anni, le 2 signorine sono poco avvezze alle passeggiate, sono riuscito a convincerle, quindi mi gioco un bel pezzo del mio futuro in montagna se riesco ad appassionarle in modo giusto, per questo vorrei dei consigli.
    Oltre alle passeggiate che ho visto nel sito, mi potete consigliare anche malghe, dove trovare animali e formaggio per deliziare i palati…
    a parte questo accetto consigli per rendere il più piacevole possibile il soggiorno.
    Grazie Saluti

    • Azzurra Azzurra ha detto:

      Ciao Federico, caspita che responsabilità! Dunque, sicuramente un posto dove si mangia bene è il Rifugio Fuciade, ma bisogna prenotare per tempo perchè è solitamente sempre pieno (anche se a fine giugno magari c’è meno affluenza). Altro posto molto molto buono è l’agriturismo La Rezila sull’alpe Lusia: noi lì abbiamo fatto un pranzo davvero buonissimo!Anche a Ciampedie puoi deliziare il palato a Baita Checco: super sapori sapientemente accostati! Per vedere gli animali puoi spostarti a Predazzo e salire alla malga Valmaggiore (caprette, mucche, galline) dove si gustano anche ottimi strauben e la passeggiata è facilissima!

  12. Ilena ha detto:

    Ciao, x raggiungere il rifugio passo lusia se prensiamo la cabinovia i cani sono ammessi?

    • Azzurra Azzurra ha detto:

      Ciao, onestamente non saprei, ma penso di sì!Puoi provare a contattare direttamente gli impianti per sicurezza! moena@skiareaalpelusia.it
      0462 573207

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *