Da Ciampedie a Gardeccia: col passeggino nel bosco

Da Ciampedie a Gardeccia

Che ne dite di una facile camminata nel bosco, col passeggino, all’ombra di pini e abeti, con bimbi e passeggino? Niente di più  facile: si può raggiungere il Rifugio Gardeccia da Ciampedie, tramite un bel sentiero semi-pianeggiante e adatto proprio a tutti. Seguiteci!

  • Località di partenza: Ciampedie
  • Parcheggio: funivia Catinaccio (più aree sosta, contrassegnate dalla P- a pagamento)
  • Mezzi utilizzati: passeggino da trekking
  • Tempo medio: un’ora
  • Difficoltà: facile

Si comincia con il prendere la funivia Catinaccio, a Vigo di Fassa, che in pochissimo ci porta ai 2000m dello stupendo pianoro di Ciampedie, pieno di rifugi e zone gioco (attenzione perchè per arrivare alla vera e propria cabina, ci sono diverse scale mobili, pertanto il passeggino è da chiudere e da portare a mano: immagino ci saranno gli ascensori, ma non li ho ancora trovati): il panorama che si può ammirare da qui è davvero impareggiabile, vale la pena salire qui solo per quello! E non è che solo l’inizio della nostra gita.

Qui a Ciampedie c’è anche il Kinderpark, un’area attrezzata per fra giocare i bimbi, aperta sia d’estate che d’inverno: quindi, qualora non abbiate voglia di camminare, ecco che qui avrete tutto ciò di cui i vostri figli hanno bisogno, e voi tanti buoni posti dove gustare ottimo cibo!

Da Ciampedie a Gardeccia: col passeggino nel bosco

Il nostro scopo però era di raggiungere il Rifugio Gardeccia e così, scendendo in lieve pendio, col nostro passeggino, verso il rifugio Nigritella, abbiamo imboccato il sentiero n. 540 nella direzione desiderata: dopo aver attraversato una delle piste da sci del comprensorio, il tracciato riprende comodo senza più “interferenze”.

La via si snoda in mezzo al bosco, con squarci in mezzo ai rami che regalano paesaggi da fiaba…Spesso si incontrano anche dei cartelli esplicativi sulla vita nei boschi (questo è infatti anche denominato “Troi del bosch“) e sulla geologia dei luoghi: davvero interessanti, sia per gli adulti, che per i bambini, che rimangono molto affascinati dalla lettura.

Un bello spiazzo con uno specchio d’acqua e vista impareggiabile sulle montagne retrostanti, ci fa capire che siamo quasi arrivati: ormai abbiamo guadagnato la nostra meta e il Rifugio Gardeccia è qui!

Da Ciampedie a Gardeccia: col passeggino nel bosco
In questa radura spettacolare (dove sorgono altri due Rifugi in attività e l’abbandonato Catinaccio), i bimbi possono sbizzarrirsi in giochi, correre, saltare…non ci sono pericoli, nè dirupi: infatti i genitori su possono tranquillamente accomodare per un buon pranzo, e lasciare i pargoli liberi di saltare; verdi prati e giochi sono a disposizione di tutti, anche per i più grandicelli, il tutto calato in un contesto assolutamente spettacolare: che si può chiedere di più?

Difatti qui ci troviamo un posto che definire splendido è dire poco: la valle del Vajolet è davvero incantevole e ce ne si accorge ancor più salendo verso il Rifugio omonimo (50 minuti), e volendo, anche al Passo Principe e Re Alberto (da dove le famose torri svettano offrendo il loro miglior profilo da cartolina): col passeggino però non si può andare oltre, perciò ci si può ragionevolmente accontentare di questa breve, ma decisamente suggestiva gita.

Da Ciampedie a Gardeccia, col passeggino nel bosco

Dopo un bel po’ di riposo, si può riguadagnare la via di Ciampedie, che porterà via praticamente lo stesso tempo dell’andata; nulla di difficile, ma il panorama resterà sicuramente impresso nella vostra memoria per molto tempo!

 

RifuginretePer ulteriori informazioni, consultate la scheda del Rifugio Gardeccia

 

Altre idee interessanti

2 pensieri su “Da Ciampedie a Gardeccia: col passeggino nel bosco

  1. Marta dice:

    Bellissima! Strepitosa! Emozionante! Camminata fino al rifugio Gardeccia con bimba al seguito..in mezzo al bosco e una vista incredibile! Da rifare sicuramente!

    • Azzurra
      Azzurra dice:

      È una delle camminate più belle della Val di Fassa! Poi, se si avesse ancora fiato, salire ai rifugi Vajolet e Preuss completerebbe una giornata fantastica, aggiungendo ancora un po’ di meraviglioso panorama a quello già ammirato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.