A spasso col passeggino sull’Alpe Lusia

Alpe Lusia col passeggino!

Oggi andiamo alla scoperta di panorami e paesaggi veramente eccezionali, tutti da gustare comodamente col passeggino: visitiamo l’Alpe Lusia, tra le valli di Fiemme e Fassa, con vista sulle più belle cime dolomitiche.

  • Località di partenza: Le Cune
  • Parcheggio: impianti “Lusia” (ampio – gratuito)
  • Mezzi utilizzati: passeggino da trekking
  • Tempo medio: due ore
  • Difficoltà: facilissimo

Parcheggiata la nostra macchina nell’ampio sterrato in prossimità dell’ovovia “Lusia”, circa 3 km dopo l’imbocco della strada per il Passo San Pellegrino provenendo da Moena (val di Fassa), ci siamo diretti alla cassa per salire sui due impianti che ci hanno portati ai 1815m di Ronchi – Valbona (dove c’è anche uno chalet) prima, e ai 2202 m de Le Cune poi, davvero in un tempo risicatissimo, per la gioia dei bimbi, tutti intenti ad assaporare la nuovissima sensazione di “volare sopra gli alberi”!

A spasso col passeggino sull'Alpe Lusia

Non appena scesi, ciò che si ammira è davvero splendido: il gruppo del Catinaccio è proprio di fronte a noi, mentre quello delle Pale alle nostre spalle; non mancano le Creste di Costabella, che fanno da cornice alla valle del San Pellegrino, e nemmeno l’inconfondibile profilo dei Lagorai, importante catena che separa la val di Fiemme da quella del Vanoi.

Da qui, tramite la pista da sci (non troppo ripida, quindi adatta anche ai passeggino, qui davvero tantissimi), siamo scesi, in circa 20 minuti, al Rifugio Passo Lusia (m. 2000), una specie di oasi per tutti i bambini: ampi prati sono infatti a disposizione, con anche scivoli e altalene…mentre ci si ristora un pochino, seduti sul bel balcone soleggiato della baita, si possono osservare i nostri figli scorrazzare da tutte le parti, pieni di gioia. Insomma, un posto promosso a pieni voti.

A spasso col passeggino sull'Alpe Lusia

Ma non è finita qui!
Ripreso il cammino, in circa mezz’oretta di larga e liscia mulattiera, comodamente immersa in un bosco profumatissimo, si perviene al Rifugio La Rezila, una deliziosa casetta immersa in una vegetazione altrettanto bucolica: visto dal davanti si direbbe piccolino, ma sul retro sfodera un giardino incantevole, con tavoli e sedie sdraio, oltre che un mini parco-giochi (per la gioia dei più piccini); sono dotati anche di vari seggioloni, per cui, volendo consumare qui il pranzo (che è ottimo, l’abbiamo provato, con assaggi veramente da gourmet), anche i bimbi avranno il loro comfort.

Qui si può restare anche per un relax post- pranzo, lasciando che i figli giochino felici nell’area loro riservata; si può decidere poi di proseguire fino a ritornare al nostro punto di partenza, in circa un’oretta, sempre tramite un comodo sentiero in mezzo al bosco, mai particolarmente ripido od impegnativo: anzi, annovererei questa passeggiata tra le più semplici in assoluto, dal momento che è tutta in discesa.

A spasso col passeggino sull'Alpe Lusia

Ma anche se non c’è fatica fisica, senz’altro l’appagamento non manca, dato che il panorama è sempre quello dolomitico che non tradisce mai, e la camminata assieme ai nostri bimbi sarà all’insegna della tranquillità!

Una piccola nota: il sentiero ricalca uno dei percorsi della Val di Fassa Bike, pertanto è possibile imbattersi, specialmente in alcuni periodi dell’anno, in bikers che arriveranno (anche velocemente) alle nostre spalle; prestare quindi la massima attenzione, soprattutto verso i più piccini!

Altre idee interessanti

8 pensieri su “A spasso col passeggino sull’Alpe Lusia

    • Azzurra
      Azzurra dice:

      Verissimo! Noi l’abbiamo testato proprio questa settimana, per cui poi pubblicherò un post ad hoc; il sentiero degli animali si prende sempre da Le Cune, subito a destra (segnalato); s’inoltre nel bosco ed è molto carino per i bimbi! Si può fare in passeggino tranquillamente, ma secondo me non tutto: sino alla deviazione per Malga Pozza, poi io consiglio di scendere proprio a Malga Pozza e da lì tornare a Chalet Valbona per la forestale. Infatti, il tratto successivo è abbastanza sconnesso e vi sono sassi e radici. Via libera invece per bimbi a piedi o piccini in zaino portabimbo!

    • Azzurra
      Azzurra dice:

      Ciao Federica, volendo si può salire da Ronchi a Le Cune a piedi, il sentiero c’è (è quello utilizzato per il ritorno), però sarebbe una faticaccia… Noi abbiamo preferito fare l’itinerario in discesa, ma nulla vieterebbe di farlo a piedi in entrambi i sensi. Eventualmente fermandosi anche prima, magari a La Rezila!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.