Alle cascate di Riva e al Castello di Tures: Valle Aurina per bambini

cascate-di-tures

Le cascate di Riva sono uno spettacolo mozzafiato in Valle Aurina. Una passeggiata poco impegnativa che, partendo dal centro abitato di Campo Tures, porta al cospetto dei tre salti d’acqua e e prosegue ad anello fino al Castello di Tures, dove i bambini potranno sentirsi piccoli cavalieri e dolcissime principesse. Uno spettacolo naturale davvero emozionante, adatto ai bambini e anche alle mamme in dolce attesa. Oggi è Chiara del blog Mamma con Caschetto che ci conduce in questo strepitoso mondo fatto di montagne aguzze e dolci paesaggi… Non possiamo che seguirla in questa avventura!

  • Località di partenza: centro abitato di Campo Tures, in Valle Aurina
  • Parcheggio: fuori dal centro abitato, sulla strada che da Campo Tures conduce a Riva di Tures, ben segnalato (grande, a pagamento)
  • Mezzi utilizzati: passeggino da trekking fino alla prima cascata, poi necessario lo zaino porta-bimbo
  • Tempo medio: due ore (percorso ad anello)
  • Difficoltà: facile
  • Dislivello: 240 metri senza salite particolarmente rapide e lunghe

La facile passeggiata alle cascate di Riva di Tures

Le tre cascate di Riva si trovano in Valle Aurina, all’ingresso del parco naturale Vedrette di Ries-Aurina. Il sentiero si imbocca facilmente all’interno del centro abitato di Campo Tures: costeggiando facilmente il Rio Aurino seguiamo il sentiero 2.

Dopo circa 700 metri ci troveremo ad un incrocio dove seguiremo le indicazioni per le cascate, segnalato con il numero 1. Per raggiungere la prima, si percorre una strada forestale pianeggiante che continua a costeggiare il Rio Aurino: in 10 minuti circa ci troveremo di fronte alla cascata, alta ben 10 metri! Se fino a qui si può semplicemente arrivare con il passeggino da trekking, da qui in poi sarà necessario un marsupio o uno zaino porta bimbo, giacché la via diventa impraticabile alle ruote.

Alle cascate di Riva e al Castello di Tures: Valle Aurina per bambini

Il percorso prosegue sovrapponendosi al Sentiero di San Francesco: troveremo così installazioni religiose e una piccola grotta con statuine dedicate all grande uomo di fede. Non dovremo però percorrerlo tutto: il nostro itinerario continua a sinistra lungo una ripida salita con gradini. Poco dopo vedremo comparire davanti ai nostri occhi anche la seconda cascata maestosa, imponente e ancora più alta della prima.

Ma il bello deve ancora arrivare…
Ancora una decina di minuti di salita all’interno del bosco, su un sentiero recintato, ed ecco sentire un rumore assordante. Le goccioline d’acqua nebulizzata inizieranno a bagnarci, anche se non vedremo ancora la cascata: è il momento di indossare un impermeabile. Un ponticello sospeso regalerà uno scenario unico ai nostri bambini: un salto di ben 40 metri da poter vedere così da vicino che ci sembrerà di toccarlo con mano! Davanti alla terza e imponente cascata si formano anche tanti arcobaleni: perché non provare a prenderli e entrarci quasi dentro? Un’esperienza davvero unica, ma anche molto bagnata…

Il sentiero prosegue ancora in salita lungo una scalinata, terremo la sinistra direzione “Toblhof”. Giunti a questo albergo (dove è possibile fare merenda o consumare il pranzo presso il bar-ristorante) attraversiamo poi la strada e, di fronte, continuiamo a calcare il sentiero 2a che torna indietro verso il paese di Campo Tures. L’itinerario prosegue con sali-scendi attraverso il bosco e, dopo una ventina di minuti, troveremo un bellissimo punto panoramico: la vista verso Brunico e la Valle Aurina è davvero unica!

Alle cascate di Riva e al Castello di Tures: Valle Aurina per bambini

Il Castello di Tures, adatto anche ai bambini

Il sentiero diventa sempre più pianeggiante ed uscirà dal bosco, passando sopra il paese di Campo Tures. Senza scendere a sinistra, proseguiamo verso il Castello di Tures, che appare presto dinanzi ai nostri occhi. Il castello è visitabile internamente pagando un esiguo biglietto d’ingresso: si avrà così accesso alla corte e alle stanze, che spesso ospitano diverse mostre molto interessanti. Una parte del maniero racconta, con reperti e fotografie, come il territorio della Val Pusteria e della Valle Aurina ha vissuto la prima guerra mondiale. Davvero interessante anche per i bambini!

castello-di-tures
L’imponente Castello di Tures – ph Annapaola Marconi (flickr)

Dal Castello di Tures, una breve camminata in discesa riconduce in pochi minuti al centro del paese, luogo di partenza della nostra escursione.

L’immagine di copertina è di Roberto Guerrini distribuita su flickr con licenza Creative Commons

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quindici − undici =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.